F1 | Disavventura per Norris a Wembley: rubato il suo orologio

La settimana di Lando Norris è iniziata in maniera disastrosa. Il pilota della McLaren è stato vittima di un furto nel quale è stato rubato il suo orologio. A farlo sapere è la McLaren attraverso il sito ufficiale, in cui viene fatto sapere che Lando è illeso.

Disavventura per Norris
Foto: unknown

Non un grande inizio di settimana per Lando Norris, che è cominciata con una disavventura. Il pilota McLaren, dopo esser andato a supportare l’Inghilterra nella finale dell’Europeo a Wembley, è stato vittima di un furto. Oltre il danno anche la beffa. Il 21enne di Bristol, oltre ad aver assistito alla sconfitta della sua nazionale contro la nostra Italia, si è fatto rubare un orologio. Il pilota che sta sorprendendo tutti e sta ottenendo straordinari risultati deve ora fronteggiare questa problematica. Obiettivo per l’inglese è quello di tornare al massimo della concentrazione per il GP di Silverstone, uno dei gran premi più difficili di tutto il calendario. Alla McLaren servirà il suo talento cristallino per affrontare questo weekend particolarmente difficile e diverso dal solito, dove la sfida con la Ferrari è sempre alle porte.


Leggi anche: F1 | Tost su Tsunoda: “Mostra una velocità naturale fantastica”


La notizia è stata diramata dalla McLaren, la quale fa sapere che Lando, fortunatamente, sta bene ed è solo un po’ scosso. “La McLaren Racing può confermare che Lando Norris è stato coinvolto in un incidente, dopo la finale di Euro 2020 a Wembley, durante la quale è stato preso l’orologio che indossava. Per fortuna, Lando è rimasto illeso ma è comprensibilmente scosso. Il team sta supportando Lando e siamo sicuri che gli appassionati di corse si uniranno a noi nell’augurargli tutto il meglio per il Gran Premio di Gran Bretagna di questo fine settimana. Poiché questa ora è una questione di polizia, non possiamo commentare ulteriormente”. 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Michele Guacci

Classe 2003, studente ed appassionato di F1 sin dall'infanzia.