F1 | Domani verrà esaminato il motore di Leclerc andato in fumo a Baku

Il motore di Leclerc, andato in fumo durante la gara a Baku, arriverà domani in fabbrica e verrà esaminato dai tecnici di Maranello che, entro sera, dovrebbero essere in grado di fare una prima valutazione.

Ferrari Baku Leclerc
 Credits: Motorsport.com

Il motore della discordia, che ha costretto Leclerc al ritiro mentre era in testa al GP di Baku, domani arriverà in fabbrica dove sarà esaminato dagli uomini Ferrari. Una prima valutazione dovrebbe essere completata entro la sera, in modo da capire se qualche parte si è salvata.

Per quanto riguarda le componenti idrauliche che hanno costretto al ritiro l’altra Ferrari, quella di Sainz, il team di Maranello fa invece sapere, attraverso una nota ufficiale, di averle già esaminate.

Il weekend di Baku ha lasciato parecchi strascichi e preoccupazioni nel team di Maranello. Durante la gara, infatti, ben 3 auto motorizzate Ferrari (su 6 totali) si sono ritirate per problemi legati alla power unit. Inoltre, il ritiro di Leclerc è il secondo nelle ultime 3 gare dopo quello accorso nel GP di Spagna sempre per problemi al motore. In entrambi i casi il monegasco stava conducendo il Gran Premio, dunque ben 50 punti sono andati in fumo.

Leggi anche: F1 | Test per Oscar Piastri e Olli Caldwell con l’Alpine A521 a Silverstone

In casa Ferrari, inevitabilmente, è quindi scattato l’allarme affidabilità. Per l’imminente GP del Canada il cavallino rampante non può che affidarsi a una soluzione di breve termine, mentre per il medio e lungo periodo la casa italiana fa sapere di essere già al lavoro per trovare delle soluzioni.

Quello che è certo è che la Ferrari non può permettersi di fare altri passi falsi se vuole puntare al mondiale, specialmente contro una Red Bull così solida e competitiva.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Nicola Fedeli

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Grande appassionato di F1 e MotoGP fin da piccolo.