F1 | Domenicali: “Anche con l’aggiunta del GP di Miami, non si andrà oltre le 23 gare stagionali”

Domenicali conferma: “anche con l’aggiunta del Gran Premio di Miami, non si andrà oltre il format di 23 gare stagionali”. Negli scorsi giorni erano sorte domande riguardo al fatto che questa nuova tappa avrebbe potuto togliere spazio ad un Gran Premio già in calendario.

Domenicali Miami 23 gare
Red Bull durante un evento promozionale a Miami – credits: Formula 1

L’aggiunta del GP di Miami al calendario 2022 di F1 non amplierà il programma oltre le sue attuali 23 gare ha detto Stefano Domenicali. La F1 ha annunciato nei giorni scorsi che aggiungerà un nuovo Gran Premio a Miami Gardens il prossimo anno. Domenicali ha confermato che la gara si svolgerà nel secondo trimestre del 2022, indicando che probabilmente si terrà più o meno nello stesso periodo del Gran Premio del Canada. Ad ogni modo, il commento di Domenicali per cui l’anno prossimo non si andrà oltre le 23 gare stagionali, indica che una delle gare del calendario 2021 non si terrà più il prossimo anno. L’altra gara al Circuit of the Americas in Texas è tra quelle che devono firmare un accordo per il prossimo anno. Tuttavia, Domenicali ha detto che le gare americane saranno presenti entrambe nel calendario di F1 nel 2022. “Gli Stati Uniti sono un’area molto importante su cui dobbiamo sviluppare la nostra attività”, ha spiegato. “Ci sono molte opportunità”.


Leggi anche:

F1 | Vettel critica i commissari di Imola: “Poco professionali”


Maggiori dettagli dai protagonisti del motorsport

Domenicali ha ammesso che l’aggiunta di un’altra gara in America potrebbe togliere un round in Europa. “Penso che sia una possibilità perché dobbiamo essere realistici, non possiamo avere 52 fine settimana in Formula 1″, ha detto Domenicali. “Ma la cosa buona è che abbiamo buone idee che ci consentiranno di creare eventi unici. Comprendiamo la necessità dei team di restare in alcuni paesi con circuiti storici in cui sappiamo che la Formula 1 dovrebbe rimanere. Quindi questo è il bello di avere tante opportunità davanti a noi”.

La tanto attesa conferma del nuovo accordo decennale della F1 per correre a Miami è stata accolta calorosamente dai team, ha riferito Domenicali. “Siamo orgogliosi come Formula 1, perché in questo momento, soprattutto dopo un 2020 così difficile, la sfida nel 2021 è di guardarsi avanti, porre nuove basi su cui sviluppare un nuovo concetto di Formula 1. Proprio l’altra sera, quando abbiamo condiviso le informazioni con tutte le squadre, tutti erano del tipo ‘wow, è la strada giusta da percorrere, questo è davvero dove dovremmo essere’. E questa è davvero la direzione che prenderò per un grande futuro per la nostra Formula 1″.

Il layout del GP di Miami – credits: Formula 1

Il pilota della Red Bull, Sergio Perez, è stato tra coloro che hanno accolto con favore l’aggiunta della gara. “Correre negli Stati Uniti è sempre molto divertente e mi piacciono i circuiti cittadini, sono sempre una bella sfida. Penso che Miami sia un’ottima location per la Formula 1, è una città molto divertente e c’è molta energia in quel posto. La comunità latina è piuttosto numerosa, quindi non vedo l’ora di andarci presto “.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.