F1 | Domenicali disposto ad affidare un posto a Vettel: “Se fosse interessato, lo accoglierei volentieri”

Stefano Domenicali ha dichiarato di essere più che disposto ad offrire a Sebastian Vettel, che si ritirerà a fine stagione, un posto in Formula 1

Domenicali Vettel
Credits: Aston Martin (Twitter)

La notizia del ritiro di Sebastian Vettel dal mondo della F1 ha lasciato tutti senza parole tra tifosi, piloti, membri dei vari team ed anche tra i piani più alti del Circus. Proprio per questa ragione Stefano Domenicali, CEO della F1, ha dichiarato di essere più che disposto ad offrire un posto a Sebastian Vettel.

“Ho saputo la notizia tramite il telegiornale. Gli parlerò così ha dichiarato Domenicali la settimana scorsa, visibilmente sorpreso dalla decisione del pilota tedesco.

Il colloquio tra i due è avvenuto già e il Presidente della Formula One Group ha raccontato e descritto tutti gli argomenti toccati in quel momento dai quali sono emersi molti punti chiave. L’intervista è stata rilasciata al quotidiano tedesco Bilb e di seguito riportiamo tutte le sue parole.


“Abbiamo parlato della sua decisione e del suo futuro. Sebastian sarà sempre associato al mondo della F1 e ovviamente, vogliamo che quel legame continui. Se è interessato a far parte del nostro sistema e gli approcci si adattano, ovviamente lo accoglierei volentieri. Ma sappiamo che dopo la stagione vuole finire e godersi del tempo con la sua famiglia”.


Leggi anche: F1 | McLaren appieda ufficialmente Ricciardo, quali opzioni per Daniel?


Il pilota ha seguito con molta attenzione e dedizione molte tematiche sociali, ecologiche ed ambientali dimostrando ancora una volta di essere un grande modello di riferimento ed un esempio da seguire; pertanto il ruolo di Vettel, ipotizzato da Domenicali, potrebbe essere collegato proprio a questo.

Vettel ha colto la palla al balzo decidendo di lanciare una frecciatina alla F1 affermando che questo sport non si adatta ai tempi, nell’esatto momento in cui ha girato sulla Williams FW14B di Nigel Mansell del 1992 e sulla Aston Martin del 1922 con entrambe le monoposto alimentate dal carburante carbon neutral.

Diverso è se devi preparare una macchina per uno o due giri o 20 macchine per 70 giri e un’intera stagione. Non siamo indietro con la tecnologia, anzi. Siamo avanti. Finché vivrò sarò sicuramente testimone di un buon carburante per l’ambiente in Formula 1″ ha sottolineato concludendo Domenicali.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter