F1 | Domenicali: “Formula 1 così seguita che potremmo facilmente raggiungere le 30 gare stagionali in calendario”

La Formula 1 ha così tanto seguito che potrebbe facilmente sostenere un calendario di 30 gare se lo volesse, secondo l’amministratore delegato Stefano Domenicali. Il programma di 22 gare del 2021 ha stabilito un record e quest’anno comprenderà addirittura 23 gare.domenicali calendario 30 gare

La Formula 1 ha così tanto seguito che potrebbe facilmente sostenere un calendario di 30 gare se lo volesse, secondo l’amministratore delegato Stefano Domenicali. Il programma di 22 gare del 2021 ha stabilito un record e quest’anno comprenderà addirittura 23 gare. Sebbene ciò abbia contribuito alla ripresa della F1 post Covid, è stato anche un rischio. Ciò a causa dell’impatto umano di un programma così esaustivo, che ha reso le tanto sgradite triple-header una componente normale.

Sebbene la prima nuova gara di Liberty Media in Vietnam non si sia concretizzata, ha negoziato con successo il ritorno del Gran Premio d’Olanda e le aggiunte di Qatar, Arabia Saudita e Miami. Una seconda gara in Cina e una terza negli Stati Uniti sono considerate le opzioni per il futuro. Tuttavia, è probabile che ci sia una rotazione delle gare poiché il regolamento prevede un limite di 25 gran premi e Domenicali afferma che non sarebbe pratico continuare ad aggiungere gare.


Leggi anche

F1 | Horner scherza sulla Ferrari: “Loro campioni nel 2022? Non è la prima volta che una squadra di metà classifica sorprende tutti!”


Il commento di Domenicali

“Stiamo vivendo un grande momento per la Formula 1, non c’è dubbio“, ha detto Domenicali. “In termini di intensità sportiva in pista, in termini di interesse da parte degli stakeholders, dal pubblico, un nuovo pubblico in arrivo e un nuovo modo di parlare con il nuovo pubblico, e avere un percorso chiaro nei regolamenti per un futuro che è molto rilevante per il nostro DNA e per la futura tecnologia e sostenibilità con questo tipo di carburante e ibridazione.”

“E quindi, è vero che c’è un grande interesse per i nuovi posti – o per i vecchi posti! – da inserire nel nostro calendario. Penso che senza dubbio potrebbero esserci facilmente oltre 30 sedi in cui potremmo fare un accordo domani, ma non possiamo andare in questa direzione. È un bel problema gestire tutto in termini di strategia, in termini di business, in termini di sedi future. È qualcosa che ora stiamo studiando. Quale sia il miglior Gran Premio che vogliamo mantenere in una base stabile, o potremmo pensare a certi posti dove potrebbe esserci una rotazione. Questi sono pensieri su cui stiamo riflettendo.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.