F1 | Domenicali sulla presenza della F1 in Qatar: “È una spinta positiva per un mondo migliore”

Stefano Domenicali ha affermato che la presenza della F1 in Qatar possa essere vista come una forza positiva per il paese

Domenicali Qatar
Foto: Skysportf1.com

Il Ceo della F1, Stefano Domenicali, ha parlato della scelta di correre in Qatar, sottolineando come lo sport possa portare benefici in questi paesi.

La scelta di correre in Qatar nel 2021 e poi con regolarità dal 2023, è stata molto criticata per via della mancanza di diritti di cui godono le persone nel paese. Domenicali ha difeso la scelta


Leggi anche: F1 | Domenicali: “Provai a portare Hamilton in Ferrari”


Domenicali afferma: “Stiamo parlando di sport, stiamo parlando di una piattaforma che ha l’obiettivo di creare divertimento e unire le persone.”

“Lo sport aiuterà e migliorerà la positività e i giusti valori in ogni paese in cui andremo. Poiché i riflettori della F1 sono così grandi che non puoi nasconderti”, aggiunge il Ceo.

“Per questo motivo, penso che sia un segno per essere sicuri che tutto ciò che viene promesso a questi livelli, sia poi consegnato, perché sulla base di questo sappiamo che non si può nascondere nulla.”

La spinta positiva della F1: “Questa è il motivo per cui dovremmo considerarla una grande spinta positiva verso un mondo migliore. Perché la F1, in questo specifico caso, aiuterà a fare in modo che questa transizione verso un mondo migliore avvenga.”

Parlando poi della stagione in corso: “È un altro grande traguardo per noi poiché volevamo, nonostante il Covid, nonostante la difficile situazione in cui viviamo, dimostrare che siamo totalmente impegnati a fare in modo che questa stagione – che è assolutamente fantastica dal punto di vista sportivo – possa davvero avere le giuste sedi e la giusta quantità di gare.”

Non mancano i ringraziamenti al Qatar: “Devo dire che dobbiamo ringraziare gli organizzatori del Qatar perché appena c’era la possibilità di avere quello slot, sono stati in grado diventare immediatamente disponibili per la discussione. Quindi è davvero fantastico.”

“Ed è fantastico perché possiamo davvero avere un calendario con 22 gare. Questo è qualcosa che non è dato per scontato. Sono davvero entusiasta“, conclude il manager italiano.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter