A TCCalendario F1Formula 1

F1 | Dove si correranno le Gare Sprint nel 2024? Annunciate le sei tappe

Il calendario del prossimo anno è ormai definito. La Formula 1 ha annunciato quelle che saranno le tappe per le gare sprint del 2024.

Dopo aver annunciato il calendario ufficiale del 2024 e le date dei test invernali, Formula 1 ha annunciato quelli che saranno i circuiti che ospiteranno le gare sprint del 2024.

Calendario gare Sprint 2024 tappe F1
Ecco il calendario delle gare Sprint previste per il 2024 – Crediti: F1

Con il rientro in calendario del circuito internazionale di Shanghai, la Cina punta a tornare protagonista. Ecco quindi, che il primo GP con la gara Sprint si correrà sullo storico circuito cinese, in programma dal 19 al 21 aprile. Il ritorno di Shangai e della gara sprint in Cina ha tuttavia portato la F1 a togliere alcune delle tappe dell’annata 2023.

Dopo aver riscosso molto successo, Spa perderà la sua gara sprint del sabato. Stessa sorte capiterà a Baku, circuito che ha ospitato la Sprint race per la prima volta nel 2023.


Leggi anche: F1 | Una guerra persa all’out-wash? La FIA pensa alle soluzioni per il 2026


A sostituire questi due circuiti, come detto, ci sarà la Cina e anche Miami, uno dei tracciati americani presenti in calendario, in programma nel primo fine settimana di maggio da venerdì 3 a domenica 5. Interlagos mantiene per la quarta volta consecutiva la sua gara sprint, mentre il Red Bull Ring per la terza volta in tre anni. Confermate anche le tappe sprint ad Austin e Qatar, che visti i successi del 2023 si sono meritate il “rinnovo” del weekend Sprint.

Con l’ufficialità del calendario, le gare che dovranno affrontare le vetture saranno 30, 24 di queste saranno gare lunghe, mentre le restanti saranno le sprint, numeri da record per il campionato del 2024. Dall’ultima riunione della F1 Commission, sono emerse alcune discussioni tra FIA, F1 e team sui cambiamenti da apportare al format sprint. Modifiche che potrebbero cambiare radicalmente lo svolgimento del weekend. Inoltre, sono allo studio anche cambiamenti più radicali, inclusa l’inversione di parte della griglia di partenza, come avviene in Formula 2 e Formula 3.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter