F1 | DRS, cos’è e come funziona l’ala mobile

Drug Reduction System. Il DRS è senza dubbio tra le più importanti innovazioni introdotte nel corso della storia della Formula 1. Vediamo, in maniera semplice, come funziona .

DRS f1

Introdotto nel 2011, il DRS ha sin da subito contribuito ad aumentare lo spettacolo in F1. Più velocità, più sorpassi, più divertimento.

Come suggerisce anche il nome, questo sistema riduce la resistenza all’aria, aumentando le prestazioni di circa 5-7 km/h. Si tratta di un flap mobile posto sull’ala posteriore delle monoposto. Il pilota può attivarlo tramite un comando posto sul volante e si disattiva automaticamente in frenata. Quando è aperto, la variazione di inclinazione consente di ridurre la deportanza, a favore di una maggiore velocità di punta. Se chiuso dà maggiore aderenza nelle curve, soprattutto quelle medio-lente.

Funzionamento DRS
Schema funzionamento DRS – Foto Formula1.com

C’è un’intera sezione del regolamento dedicata al DRS, la norma 21.5. Questo sistema, infatti, non può essere utilizzato sempre, o almeno non più. Nel 2011 e nel 2012 poteva essere usato lungo tutto il circuito a meno che non fosse la direzione gara a vietarlo. Dal 2013 i piloti possono “aprire” l’ala mobile sono nelle cosiddette DRS zones. Per poter essere attivato, il pilota deve trovarsi a meno di un secondo da chi lo precede al momento del passaggio sul detection point. È autorizzato dalla FIA a partire dal terzo giro e viene disattivato in regime di safety car o in caso di pista bagnata. Ogni circuito ha un numero di zone DRS che va da uno, come Montecarlo, a un massimo di tre, come accade in Canada.

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori.Clicca qui per info
zone DRS Bahrein
Zone DRS Bahrein – Foto formula1.com

Sono stati gli ingegneri McLaren i primi a progettarlo, sfruttando uno de tanti buchi regolamentari, così come è accaduto recentemente per il DAS. Il loro obiettivo era quello di mandare “in stallo” l’ala posteriore. Nella progettazione si basarono sul sistema f-duct, antenato dell DRS utilizzato nella stagione 2010. Questo funzionava in maniera analoga al DRS, ma il fatto che dovesse essere attivato in maniera manuale, con una leva, costrinse la federazione a rimuoverlo.

Seguici su Facebook e Instagram

F1 | Dai Leclerc agli Schumacher, storie di fratelli piloti