F1 | Due membri del team Aston Martin positivi al Covid-19

Il team di Aston Martin Formula 1 ha isolato due membri del suo personale che sono risultati positivi per Covid-19 in Bahrain.

Aston Martin positivi Covid-19
Aston Martin in azione durante i test in Bahrain – credits: unknown

La squadra Aston Martin Formula 1 ha isolato due membri del suo personale che sono risultati positivi al Covid-19 in Bahrain. La squadra sta prendendo le giuste precauzioni per contenere un possibile focolaio.

La scuderia, precedentemente nota come Racing Point, è stata colpita più volte nello scorso anno da Covid-19. Entrambi i suoi piloti sono stati costretti a fermarsi in seguito a test positivi nel 2020: Sergio Perez a Silverstone e Lance Stroll al Nurburgring. Anche il proprietario della squadra Lawrence Stroll è risultato positivo in contemporanea  a suo figlio. Il direttore generale del team, Otmar Szafnauer, ha confermato la presenza di ben altri quattro positivi nel team. Ciò aveva portato il loro totale a sette all’epoca.

Leggi anche: F1 | “Cosa pensa tuo padre del debutto?”: il peso delle parole per Mick Schumacher

Il governo del Bahrain ha offerto vaccinazioni di Covid-19 a tutto il personale delle scuderie e ai volontari presenti ai test della scorsa settimana, prima dell’inizio stagione. La Formula 1 disse all’epoca che “come organizzazione con sede nel Regno Unito non ha alcun programma di essere vaccinata come gruppo itinerante prima dell’introduzione di vaccini già stabilita attraverso il sistema sanitario del Regno Unito”. Tuttavia, i membri di alcune squadre non con sede nel Regno Unito, tra cui Ferrari e AlphaTauri, hanno approfittato della possibilità di essere vaccinati.

Per capire meglio la situazione, tuttavia, bisognerà attendere. La speranza è che non si crei un focolaio, poiché ciò potrebbe portare all’annullamento del Gran Premio. Aspettiamo le prossime ore per avere maggiori informazioni riguardo nuovi positivi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.