F1 | Ecco spiegato il limite di 10 squadre nel mondiale

La spiegazione al limite di squadre che partecipano ogni anno al mondiale è piuttosto complessa e va ben oltre i normali calcoli che si potrebbero fare. Elemento chiave per capire il motivo è analizzare soprattutto tutti i vari scenari a livello economico sotto forma di premi in denaro da parte della federazione e investimenti per avviare l’attività del team.  limite 10 squadre F1

 limite 10 squadre F1
Il prospetto dei limiti di budget prima dell’inizio della stagione

Sotto l’attuale struttura dei premi in denaro, il numero di squadre di F1 è sceso da 12 nel 2012 a soli 10 dal 2017. A meno che non si crei una sostanziale rivoluzione anche sotto il profilo della distribuzione dei premi, ulteriori squadre potrebbero risentirne notevolmente. Ross Brawn sta discutendo con i team su come cambierà la struttura del montepremi alla scadenza di questi accordi commerciali con la F1 alla fine di quest’anno. limite 10 squadre F1

Il direttore generale della Formula 1 ha spiegato: limite 10 squadre F1

“Quello che penso è che nessuno voglia un modello di distribuzione dei fondi in cui in cui possono essere pagate solo 10 squadre, perché è certa la morte per l’undicesima squadra. Non è solo una supposizione la mia, dato che più volte è già successo in passato e la storia di questo sport ne è testimone. Dobbiamo quindi trovare una soluzione a tutto ciò. Non siamo ancora certi di quale sia la migliore opzione da intraprendere, ma stiamo attivamente lavorando a riguardo.”

“Il modello di limite che introdurremo verterà su quanto si può spendere per la macchina in fase di progettazione. Ogni anno in media sono spesi per questa attività circa 175 milioni di dollari in totale sono spesi in operazioni e così via. limitandone l’utilizzo si potrebbero avere moltissimi nuovi fondi da destinare all’intero circus sotto molteplici nuovi aspetti.

Sul tema dei nuovi ingressi Ross Brown ha dichiarato: limite 10 squadre F1

“Il nuovo budget, che sarà introdotto dalla stagione 2021 del mondiale, limiterà ciò che i team possono spendere per eseguire le loro operazioni di gestione della loro vettura. Ma i nuovi team non saranno in grado di aggirarlo per spendere enormi somme prima di entrare.”

“Ci vorrà ancora un sostanziale investimento per entrare in Formula 1, ma l’obiettivo è fare si che ogni nuovo team, in uno o due anni prima del suo sostanziale ingresso, sia in grado di controllare ricavi e costi connessi a tutto ciò. Quindi l’obiettivo è sia quello di formare la gestione che porre un limite agli investimenti che si potranno fare. È un investimento serio, non c’è dubbio. Ma se riusciamo a rendere sensati i rendimenti, penso che sia più giustificabile. “

 

Seguici anche sui social:

 

Telegram:

Facebook: 

Twitter: 

Instagram: 

 

Come si costruiscono i telai di Formula 1? [Prima parte]

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo amatoriale e amante dei motori da sempre. Tutte le foto le trovate su: https://mattyq3299.wixsite.com/mqphotography