Pubblicato il 16 Gennaio, 2019 alle 16:30

F1 | Elkann smentisce: “Binotto scelto per continuità, nessun dissapore interno.”

Foto: John Elkann, Presidente Ferrari - credits: Corriere dello Sport

Foto: John Elkann, Presidente Ferrari - fonte: Corriere dello Sport

Il presidente della Ferrari, John Elkann, ha contattato la redazione de “La Gazzetta dello Sport” precisando di non aver mai definito la nomina di Binotto come un “ribaltone” figlio di dissidi interni. Elkann binotto arrivabene

Foto: John Elkann, Presidente Ferrari – credits: Corriere dello Sport

Nella giornata di ieri, il quotidiano “La Gazzetta dello Sport” ha riportato alcune parole che il presidente John Elkann avrebbe espresso al Salone Dell’Auto di Detroit,;le quali dipingevano la promozione di Binotto come frutto di forti dissidi interni con l’ex team principal Maurizio Arrivabene.

John Elkann, irritato da quanto riportato, ha inviato una lettera;al direttore del quotidiano, sottolineando come la promozione di Binotto al ruolo;di team principal non derivasse da nessun dissapore interno, negando quindi quanto trascritto dalla Gazzetta dello Sport:

Ho letto con sorpresa sul giornale di oggi (ieri, n.d.r) parole e opinioni attribuitemi a proposito della Ferrari, ma che in realtà non sono mai state;pronunciate e non rispecchiano il mio pensiero. Non capisco veramente come queste cose possano accadere e non commento oltre, ma ritengo doveroso chiarire alcuni punti, a beneficio dei lettori e nel rispetto della verità dei fatti.”

“La nomina di Mattia Binotto a Team Principal della Scuderia Ferrari non rappresenta ‘un ribaltone’ nella gestione sportiva – chiarisce Elkann-  e non;nasce da presunti dissapori interni al team: al contrario è una scelta decisa dalla Società di comune accordo con Maurizio Arrivabene, che nei 4 anni di impegno in quella posizione ha lavorato;instancabilmente per riportare la Scuderia ai livelli di competitività che merita”.

“Il lavoro di Mattia, che è già iniziato in previsione della stagione che sta per aprirsi, poggia le sue basi proprio su quanto è stato;fatto negli ultimi anni, in una linea di continuità che mira all’evoluzione, non certo alla ‘rottura’ rispetto al passato”.

Elkann ha colto l’occasione per smentire anche le voci che non vedevano confermato Camilleri nel suo ruolo e che ipotizzato un ritorno di Domenicali nel team:

https://f1ingenerale.com/f1-ferrari-elkann-abbiamo-voluto-un-tecnico-a-capo-della-scuderia/

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"
Disqus Comments Loading...

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.