F1 | Esclusiva McLaren, James Key: “Nel 2022 il DRS sarà meno influente ma fondamentale”

In occasione del GP di Portogallo di Formula 1, F1inGenerale ha avuto la possibilità di partecipare ad una Zoom call con James Key, direttore tecnico della McLaren.

mclaren key

Mr Key, crede che con l’adozione dei regolamenti tecnici 2022 il DRS avrà un ruolo meno influente di adesso?

Con i nuovi regolamenti il carico aerodinamico aumenterà drasticamente, quindi da un punto di vista di turbolenze e scia il DRS non avrà una grande influenza. Tuttavia è necessario che ci sia perché su alcuni circuiti, data la loro conformazione, potremmo vedere dei trenini. Quindi in sostanza, da un punto di vista tecnico conterà di meno ma per lo spettacolo in pista sarà fondamentale. mclaren key


Leggi anche: F1 | GP Portogallo, anteprima McLaren – Seidl: “Porteremo altri aggiornamenti alla vettura”


Il prossimo weekend la Formula 1 torna a Imola. Come sarà l’approccio del team, in termini di lavoro, per un weekend così ridotto?

Di solito nei weekend di gara abbiamo un lavoro ben preciso in azienda. Si pensa prima di tutto alle simulazioni del tracciato, alla comparazione dei dati, all’energia da fornire agli pneumatici e poi si guarda la parte ibrida. Il tutto è finalizzato a trovare un bilanciamento base da testare in pista. Ad Imola sarà diverso perchè non abbiamo dati degli scorsi anni e bisogna partire da zero. Visto che ci sarà una giornata in meno, sarà fondamentale preparare bene la qualifica e ottimizzare il tempo per lavorare sul passo gara. I tempi sono ristretti e non possiamo permetterci di sbagliare, saremo davvero sotto pressione.

Come sarà lo sviluppo tecnico delle prossime gare in attesa del 2021?

Continueremo a portare aggiornamenti, questo è il nostro piano di sviluppo. Abbiamo introdotto il muso stretto, seguendo la filosofia di Mercedes, Red Bull e Renault. Ma la nostra idea non è quella di fare copiare altre vetture, piuttosto studiarne la filosofia ed interpretarla diversamente. I prossimi aggiornamenti saranno fondamentali perchè ci permetteranno di anticipare alcune cose del prossimo anno. Sul posteriore non possiamo portare granchè dal momento che col cambio di power-unit potremo lavorare in quella zona e questo sarà una sfida entusiasmante per il reparto design.


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

DTM | Gerhard Berger: “Mi aspetto un ritorno di Mercedes con regolamenti GT”