F1 | Fabiana Ecclestone difende Masi: “Non dovrebbe lasciare il posto di lavoro, ora la FIA deve restare al suo fianco”

“Masi non dovrebbe lasciare il posto, la FIA deve restare al suo fianco adesso” così Fabiana Ecclestone ha parlato di Masi e della situazione del direttore di gara dopo il GP di Abu Dhabi

Fabiana Ecclestone MasiFonte: Unknown

“Masi non dovrebbe lasciare il suo lavoro adesso, la FIA deve restare al suo fianco ora” così Fabiana Ecclestone ha parlato di Michael Masi e della sua situazione dopo il GP di Abu Dhabi.

Non è di certo una notizia nuova, infatti, quanto Michael Masi sia stato criticato per le scelte e le decisioni prese nel corso degli ultimi GP. Tra penalità mancate e scelte controverse Masi, infatti, ha dato dimostrazione più volte di riscontrare difficoltà nel gestire le gare, soprattutto quando la situazione si fa tesa. Cosa comprensibile se si parla delle ultime gare della stagione, ma non accettabile in un momento in cui si lotta per il titolo mondiale.

Una stagione difficile, quindi, non solo per i piloti ma anche per il direttore di gara che ha ricevuto varie accuse, soprattutto dalle “Frecce d’argento”. Non è dello stesso parere Fabiana Ecclestone che, invece, ha difeso Masi, precisando anche quanto il direttore di gara abbia fatto un buon lavoro, data anche la situazione di forte tensione.

“Non ci sono motivi, al momento, che ci spingono a pensare che Michael non debba continuare a fare il suo lavoro” ha spiegato il vice-presidente della FIA per quanto riguarda il Sud America, Fabiana Ecclestone al Daily Mail.

Masi ha cercato di fare tutto quello che poteva in una situazione non facile di per se. Diciamo che ha fatto del suo meglio, ma la tensione non era per nulla semplice da gestire. Se avesse scelto di far finire la gara dietro alla Safety Car, infatti, non sarebbe stato bello. Tra le due cose ha scelto la migliore. E’ un bravo direttore di gara ed una brava persona. Adesso, quindi, la FIA lo deve supportare e sostenere perchè se lo merita”

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter