F1 | Fernando Alonso su Mick Schumacher: “Mi ricorda suo padre”

Fernando Alonso trova molto commovente poter combattere in pista con il figlio di Michael Schumacher. Alonso e Mick si sono scontrati in Turchia in una manovra per la quale lo spagnolo si è scusato.

Mick Alonso
Credits Haas Facebook

È davvero qualcosa di speciale averlo in Formula 1. Mi ricorda molto suo padre. Il suo linguaggio del corpo, le espressioni sul suo viso, quasi tutto“, ha detto Fernando all’agenzia di stampa GMM parlando del giovane Mick.

Nello scorso Gran Premio di Istanbul Fernando Alonso e Mick Schumacher si sono scontrati, dopo un tentativo di sorpasso dell’asturiano nei confronti del tedesco. Per la manovra i commissari hanno inflitto ad Alonso una penalità  di 5 secondi. Dopo la gara lo spagnolo si è reso protagonista di un bel gesto: si è avvicinato a Mick e lo ha abbracciato scudandosi per l’accaduto.

Mick ha minimizzato l’accaduto, dichiarando: “Queste cose accadono. Guidiamo tutti al limite e in curve del genere ti tentano a provarci”.


Leggi anche: F1 | Alfa Romeo ed il rapporto con Giovinazzi: “Gli abbiamo chiesto di lasciar passare Kimi momentaneamente ma ha rifiutato”


Fernando Alonso, raccontando quanto Mick gli ricordi il sette volte iridato, ha aggiunto: “Ha anche la stessa abbreviazione di suo padre sul monitor del tempo. Lo trovo molto commovente“.

Mick ha debuttato quest’anno con Haas e ha già avuto alcune prestazioni notevoli. Ecco perché Fernando vuole che il figlio di Michael abbia presto una macchina migliore per mostrare il suo talento.

Mi piace molto, mi piace il suo stile e il fatto che sia in Formula 1. Vorrei solo che presto avesse una macchina migliore“, ha commentato.

Soprattutto, ho imparato una cosa da lui: non mollare mai“, ha detto Fernando. “Michael è sempre stato buono con me, abbiamo avuto molto rispetto l’uno per l’altro. Mi ha sempre fatto sentire che voleva che avessi tutto il successo e che mi sarei dovuto divertire a vincere il campionato”.

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.