F1 | Ferrari a Miami con assetto scarico

Sebbene la Ferrari abbia finora scelto di non apportare grandi sviluppi alla sua vettura di F1, afferma che non c’è ancora fretta di farlo, con la scelta di cambiare semplicemente la configurazione del carico aerodinamico per l’evento di Miami della prossima settimana. F1 Ferrari Miami assetto

F1 Ferrari Miami assetto
Credits: Scuderia Ferrari

I lunghi rettilinei di Miami costringeranno le squadre a correre con un carico aerodinamico inferiore e conseguentemente grande enfasi sulla velocità massima sui rettilinei.

Con la Red Bull che quest’anno ha avuto spesso un vantaggio mostrato anche dalle speed trap, il team principal della Ferrari Mattia Binotto è consapevole che la sua squadra ha bisogno di offrire una tale configurazione su una pista del genere: F1 Ferrari Miami assetto

“Non avremo un grande stravolgimento sulla vettura a Miami, ma porteremo comunque alcune nuove parti sull’auto.Poiché Miami è un circuito ad alta velocità rispetto a quelli che abbiamo avuto finora, in termini di carico aerodinamico, correremo qualcosa di diverso rispetto a quello che abbiamo. Speriamo che il livello di carico aerodinamico che portiamo a Miami, siamo abbastanza fiduciosi che sia abbastanza efficiente. Ma sappiamo anche che la Red Bull ha anche un buon pacchetto di carico aerodinamico medio/basso e saranno competitivi. Sarà una pista completamente nuova e una nuova sfida, piuttosto interessante, e sono piuttosto curioso di esserci.”

Binotto ha anche suggerito che la squadra continuerà ad apportare modifiche per appianare i problemi di cui soffre ancora.

“Stiamo ancora lavorando sul porpoising, che è ancora abbastanza visibile”, ha detto. “Ce l’abbiamo, sicuramente più della Red Bull, e lì dentro c’è anche del potenziale di prestazioni che dobbiamo cercare di ottenere”.  F1 Ferrari Miami assetto

All’inizio della stagione la Ferrari era migliore in accelerazione e nelle curve a bassa/media velocità, mentre la Red Bull era in vantaggio nelle curve ad alta velocità e in fondo ai rettilinei. Binotto pensa che ci sia stata una certa convergenza sulle caratteristiche, tuttavia, con la Red Bull che ha aggiunto più carico aerodinamico per evitare di perdere così tanto in curva.

In conclusione, il team principal di Maranello ha affermato che:

“Noi come Ferrari avremo sicuramente nuove ali per un carico aerodinamico medio-basso nelle prossime gare quando sarà necessario. Alla fine si tratta  di una questione di compromessi tra ciò che ritieni sia migliore; sia in termini di tempo sul giro in qualifica che ritmo di gara e degrado degli pneumatici.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo sportivo e appassionato di motori da sempre.