F1 | Ferrari, aggiornamenti e budget cap, Binotto: “Red Bull dovrà fermarsi, a Barcellona tocca a noi”

Al top a Miami, Red Bull ha già portato aggiornamenti: Binotto spiega la filosofia Ferrari su sviluppi e budget cap.

binotto ferrari aggiornamenti budget cap red bull miami
Fonte: ferrari.com

Archiviato il Gran Premio di Miami, quinto appuntamento della lunga stagione 2022, la Ferrari si trova a fare i conti con una potenziata Red Bull. In Florida la vettura del team anglo-austriaco, in grande spolvero con Max Verstappen, si è dimostrata più competitiva della rivale italiana, specialmente su coperture medie. In casa Ferrari non c’è però sentimento di sopraffazione, gli aggiornamenti per rispondere a Red Bull arriveranno a breve: a spiegarlo è il team principal Mattia Binotto.

Filosofie differenti: gli sviluppi immediati di Red Bull

L’ingegnere italiano della Ferrari ha spiegato la differente filosofia del Cavallino in virtù del budget cap in vigore. Binotto ha esordito: “È vero che la Red Bull ha migliorato la propria vettura sin dagli albori della stagione. Hanno introdotto aggiornamenti”, ha spiegato il boss Ferrari.

“Se guardo alle ultime due gare – ha proseguito – probabilmente hanno un paio di decimi a giro di vantaggio su di noi, ha rivelato il capo del Cavallino Rampante. Ora tocca al team di Maranello rispondere: “Non ho dubbi che, per mantenere il passo, abbiamo bisogno di sviluppare la monoposto e introdurre aggiornamenti”.


Leggi anche: F1 | GP Miami – Ferrari, Binotto: “C’è delusione, ma abbiamo la migliore coppia in griglia


Macchina rinnovata, ma c’è un budget cap da rispettare

Potrà Red Bull proseguire con la costanza di sviluppo mostrata dall’avvio di 2022? Per Mattia Binotto è difficile. L’italiano, tenendo conto del tetto di spese in vigore, ha dichiarato: “Spero, perché c’è un budget cap in vigore, che ad un certo punto Red Bull interromperà gli sviluppi. Se così non sarà non capirò come possano farlo”.

Il ferrarista ha commentato la situazione del team modenese a riguardo: Non abbiamo soldi da spendere in aggiornamenti ad ogni singola gara. Non è a causa di nostre impossibilità, ma dipende dal budget cap: abbiamo bisogno di concentrarci su dove e quando sia più saggio introdurre gli sviluppi”.

Monitoriamo le modifiche apportate da Red Bull ad ogni gara e facciamo una stima dei costi: finora ha speso più di noi“, ha dichiarato il tp Ferrari a “Il Corriere della Sera”.

“Non diremo cosa faremo”, ha infine risposto Binotto ad una domanda sugli aggiornamenti futuri nel corso della stagione.

Ferrari chiamata a rispondere: appuntamento a Barcellona?

Dopo cinque turni il Cavallino – pur tenendo la leadership di entrambi i mondiali – si trova ad inseguire nella corsa agli sviluppi. Il prossimo weekend di Barcellona dirà molto a riguardo.

Mattia Binotto ha spiegato: “Nelle prossime gare sarà il nostro turno. Dovremo provare a sviluppare la vettura il più possibile. Credo non sia una sorpresa se dico che a Barcellona dovremmo portare un pacchetto importante per noi“.

“Come sempre – ha concluso – spero che il nostro pacchetto rispetti le aspettative. In quel caso può essere utile per provare a chiudere il divario attuale nei confronti di Red Bull“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.