F1 | Ferrari – Haas, Binotto spiega le nuove collaborazioni tra le due scuderie a partire dal 2021

Mattia Binotto ha fornito dettagli sulle collaborazioni che ci saranno nei prossimi anni tra Ferrari e Haas, a partire da un trasferimento di personale, sino alla Ferrari Driver Academy.

binotto steiner ferrari cena natale 2020 collaborazioni haas ferrari 2021 schumacher resta

Durante il tradizionale pranzo di Natale con i media, Mattia Binotto ha annunciato il nome della Ferrari del 2021: SF21. Tra i vari argomenti trattati, il Team Principal Ferrari ha anche fornito maggiori dettagli su quello che sarà il rapporto con la Haas in futuro.

Budget cap

La Ferrari trasferirà personale ad Haas per adeguarsi al tetto di budget di 145 milioni di dollari che verrà attuato a partire dalla stagione 2021. Mattia Binotto assicura che il team americano manterrà la propria indipendenza, nonostante la collaborazioni Ferrari – Haas saranno più strette che mai.


Tutti a Maranello

La particolarità starà nel fatto che questi dipendenti non lasceranno Maranello. La Scuderia sta costruendo un nuovo edificio vicino alla fabbrica Ferrari, che consentirà loro di lavorare alla Haas senza cambiare sede. Binotto assicura che non avranno accesso a informazioni compromettenti e viceversa.

Le parole di Binotto

Quelle persone saranno a Maranello, in un edificio completamente separato dalla Scuderia Ferrari. Quindi non avranno accesso alla Scuderia. Stiamo cercando di creare nuove sinergie con i nostri team clienti per prepararci al futuro. Un ingegnere senior come Simone Resta è andato alla Haas, dove avrà un ruolo importante e chiaro nel suo team tecnico. Non sarà l’unico che andrà alla Haas. Anche altri tecnici passeranno da loro e ci consentiranno di ridurre la nostra struttura, come richiesto dal budget cap.”

Haas è un nostro cliente. Nelle prossime stagioni gli forniremo il propulsore e il cambio, come negli ultimi anni. Ci saranno soltanto delle nostre persone che si uniranno al loro team. È una grande opportunità per Haas, perché possono rafforzare la loro struttura tecnica.”

“Per noi è qualcosa di necessario, perché dobbiamo ridurre la struttura a causa del budget cap. Ma Haas è un team indipendente. Non è una nostra filiale, né condividiamo informazioni, oltre a quanto contemplato dai regolamenti. Sono indipendenti da noi. Tuttavia, se devo ridurre la mia struttura, sono più felice sapendo che queste persone andranno ad Haas, invece di essere libere sul mercato“.

Ferrari Driver Academy

Per Mick Schumacher essere uno dei piloti Haas nel 2021 è una grande opportunità. Mick fa parte della FDA, e la FDA è fatta per far crescere piloti che un giorno potrebbero guidare una Ferrari. Quando passi dalla Formula 2 alla Formula 1, non puoi essere su una rossa subito nel tuo primo anno, richiederebbe troppa responsabilità. Avere un alleato di cui possiamo fidarci per continuare a sviluppare i nostri piloti, è molto importante”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Abu Dhabi – Toto Wolff: “Spero che la Mercedes del prossimo anno sia migliore della W11”

 

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1