A TCEditorialiFormula 1

F1 | Ferrari, lo sviluppo della nuova macchina richiede una scelta: Leclerc o Sainz?

Questa stagione ha mostrato come i due piloti Ferrari preferiscano soluzioni di setup diverse e questo potrebbe richiedere di fare una scelta specifica per la nuova macchina.

Il campionato 2023 non è andato esattamente come Ferrari si aspettava. La macchina senza eguali in termini di velocità non si è mai vista se non in qualche occasione in qualifica. Nel 2024 vedremo però una monoposto completamente nuova, a partire dal telaio. Tuttavia in casa Ferrari potrebbero dover decidere di puntare specificatamente su uno dei due piloti per indirizzare lo sviluppo della nuova macchina. Questo campionato ha infatti mostrato come Leclerc e Sainz si trovino a loro agio con setup differenti che però sembrano non funzionare per entrambi.

ferrari sviluppo nuova macchina sf-23 progetto 676 carlos sainz charles leclerc frederic vasseur maranello f1 2024 formula 1 monoposto gp abu dhabi
Charles Leclerc ad Abu Dhabi – Foto: F1inGenerale

Stili di guida diversi, un unico obiettivo

Non è un mistero che lo spagnolo ed il monegasco abbiano uno stile di guida diverso l’uno dall’altro. Leclerc preferisce avere un anteriore molto forte ed il sovrasterzo non rappresenta un grosso problema per lui. Sainz invece sembra trovarsi meglio con un avantreno meno puntato, a favore di un posteriore più preciso.

Durante l’arco della stagione abbiamo visto infatti le prestazioni dei due piloti Ferrari alternarsi in base agli aggiornamenti portati sulla macchina. Al rientro della pausa estiva, Sainz è sembrato essere molto più in palla ed a suo agio con la monoposto rispetto al compagno di squadra. Il tutto è culminato con la splendida vittoria di Singapore.

Le novità portate a Suzuka sono invece andate più incontro allo stile di Leclerc che è così tornato a performare meglio dello spagnolo. Lo stesso Charles ha infatti dichiarato dopo la gara di Abu Dhabi: “Sono positivo per il prossimo anno dopo questa seconda parte di stagione. Dal Giappone in poi ho finalmente avuto un anteriore forte, un upgrade che mi mancava molto. Ha aiutato in qualifica ma soprattuto in gara”.


Leggi anche: F1 | Ferrari, nessun alibi a disposizione nel 2024


I risultati da quel momento parlano da soli. Leclerc è infatti riuscito ad ottenere ben cinque prime file consecutive nelle ultime 5 gare oltre ai due secondi posti di Las Vegas ed Abu Dhabi. Allo stesso tempo, dopo gli aggiornamenti di Suzuka, Sainz è sembrato perdere un po’ di prestazione e di confidenza con la vettura.

Sembra evidente dunque come quello che piace ad uno dei due piloti non vada strettamente a genio all’altro. Ferrari quindi potrebbe dover prendere una scelta ben precisa per lo sviluppo della nuova macchina per il 2024, quella che ora è solo il progetto 676. Questo chiaramente andrebbe a favorire uno dei due piloti ma fare una macchina “nel mezzo” potrebbe invece non giovare a nessuno dei due.

Si tratterebbe più o meno della stessa cosa che Red Bull fa con Verstappen, ovvero mettergli tra le mani il mezzo migliore possibile per il suo stile di guida anche a scapito del secondo pilota. Rumors degli ultimi giorni, da prendere assolutamente con le pinze, dicono che a Maranello la scelta è stata fatta e che quindi la nuova monoposto andrà più verso lo stile di Leclerc.

ferrari sviluppo nuova macchina sf-23 progetto 676 carlos sainz charles leclerc frederic vasseur maranello f1 2024 formula 1 monoposto gp abu dhabi
Carlos Sainz durante il GP di Abu Dhabi – Foto: F1inGenerale

Qualunque sarà la direzione intrapresa, l’obiettivo è sempre e solo uno: colmare il gap da Red Bull e tornare a lottare per la vittoria. Non resta che attendere il prossimo anno per vedere se la nuova macchina Ferrari sarà competitiva ma per sfidare davvero il binomio Verstappen – Red Bull forse servirebbe “cucirla” addosso ad uno dei due piloti.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter