F1 | Ferrari: parallelismo Leclerc-Schumacher? Binotto: “Trovo delle analogie”

In una recente intervista, il Team Principal della Ferrari Mattia Binotto ha commentato il parallelismo tra Leclerc e Schumacher, molto discusso sul web nelle scorse settimane.

Leclerc Schumacher Scuderia Ferrari Sainz Binotto Imola Monza Maranello F2004 F2000 F1-75 F1 Formula 1
©️F1

Il parallelismo Leclerc-Schumacher

Nelle scorse settimane molti sono stati i tifosi del cavallino che hanno nostalgicamente collegato le ultime prestazioni di Leclerc e della Ferrari alle imprese della mitica Rossa di Schumacher. Tutto è nato dal primo GP della stagione in Bahrain, quando il cavallino dopo 2 anni difficili ha finalmente dimostrato la competitività per tornare a lottare per la vittoria. La Scuderia di Maranello ha letteralmente dominato il weekend ottenendo, complici anche i problemi di affidabilità della Red Bull, una doppietta condita con pole in qualifica e giro veloce in gara. Una scena che ha fatto tornare indietro nel tempo i tifosi è stata la parata di Leclerc e Sainz i quali, in prima e seconda posizione alla bandiera a scacchi, sono rientrati ai box uno accanto all’altro, riproducendo una scena vista e rivista durante gli anni di dominio della Rossa di Schumacher.

Leclerc Schumacher Scuderia Ferrari Sainz Binotto Imola Monza Maranello F2004 F2000 F1-75 F1 Formula 1 parata Bahrain GP Sakhir 1-2 doppietta pole position giro veloce fucsia
Ferrari in parata al termine del GP del Bahrain

Un’altra prestazione fantastica degna della Ferrari dei primi anni 2000 è arrivata a Melbourne. Infatti, nel GP di Australia Leclerc ha vinto la gara con 20 secondi di margine sul resto del gruppo, distacco che la Rossa non riscontrava da tempo. Bisogna sottolineare come il vantaggio prestazionale della F1-75 sui rivali fosse ben maggiore. Infatti, senza le Safety car, il monegasco avrebbe vinto con un distacco decisamente più ampio.


Leggi anche: F1 I Ferrari – Binotto: “Temo Red Bull più di Mercedes”


Nonostante sia prematuro tirare in ballo 5 anni di dominio dopo solo un paio di ottime gare, va ribadito come questa Ferrari sembri indubbiamente aver tutte le carte in regola per tornare a far sognare i tifosi. Inoltre, gli ultimi anni difficili hanno aumentato enormemente il desiderio di vittoria dei fans che, di conseguenza, tendono a ricollegasi all’era più vincente della storia del Cavallino.

Le parole di Binotto

A commentare parallelismo tra Leclerc e Schumacher è stato il Team Principal della Ferrari Mattia Binotto, in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. Ricordiamo infatti che l’ingegnere è entrato nel team di Maranello nel lontano 1995, avendo quindi vissuto la totalità degli anni di gloria dell’era Schumi-Todt.

Egli ha commentato la notevole performance di Leclerc nel GP di Australia paragonandola alle impressionanti prestazioni di Schumacher: “A tratti mi sembrato di rivivere quei bei momenti. Da tanto non vincevamo con un simile vantaggio di prestazione“.

Tuttavia, ha trovato somiglianze anche per quanto riguarda l’intero team attuale e la loro mentalità: “Ci sono tante analogie: vedo fame, non solo voglia di vincere un titolo o qualche GP“.

Invece, dal punto di vista personale, ha dichiarato: “[Di quegli anni mi porto] la voglia di migliorare sempre. Siamo solo all’inizio della strada. E il difficile deve ancora arrivare“.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

mm

Matteo Venezia

Studente di ingegneria meccanica, classe 2002. Appassionato e studioso della tecnica di Formula 1, in particolare dell’area strategica.