Formula 1

F1 | Ferrari, perché Sainz ha il coltello dalla parte del manico per il rinnovo

Dopo l’annuncio del rinnovo di Leclerc, tardano ad arrivare novità sul rinnovo di Sainz: ecco perché l’ultima parola potrebbe non spettare alla Ferrari

Charles Leclerc ha già firmato il suo rinnovo con la Ferrari, ma Carlos Sainz ancora no. Negli ultimi giorni, la mancanza di annunci che riguardano lo spagnolo ha scatenato un valzer di cosi sulla probabilità di un addio che potrebbe arrivare già alla fine del 2024, anno di scadenza dell’attuale contratto.

La scelta di rinnovare con il monegasco è stata presa da molti come un chiaro indizio. La Ferrari ha scelto di puntare in tutto e per tutto sul suo numero 16 anche a costo di sacrificare Sainz. Ma il punto è un altro: potrebbe essere proprio lo spagnolo ad aver ritardato la sue decisione per pesare eventuali alternative.

ferrari rinnovo sainz
Credits: Marca.com

Al termine della stagione 2023, Fred Vasseur aveva chiarito che l’obiettivo primario di Maranello era proprio quello di assicurare il futuro dei piloti, prima ancora di scendere in pista per la stagione che inizierà tra un mese.Certo, mancano ancora quattro settimane, ma il rinnovo del solo Leclerc continua a gettare ombre sul futuro di Sainz.


Leggi anche: F1 | E se i pit stop fossero una delle chiavi per colmare il divario dalla Red Bull?


In base alle indiscrezioni, lo scopo del numero 55 è quello di ottenere un contratto valido fino al 2026, eppure l’accordo sembra essere tutt’altro che definito. Tuttavia, la Ferrari sa perfettamente che Sainz è una pedina troppo importante nella squadra per lasciare che vada via così.

Lo spagnolo si è spesso dimostrato all’altezza del compagno di squadra: i due, infatti, sono stati spesso definiti la coppia più forte in griglia. Allo stato attuale, Sainz ha tutte le carte in regola per poter pretendere il massimo da sé stesso e dalla sua attuale squadra.

Considerando la possibilità data a Leclerc, Sainz potrebbe rendersi consapevole del fatto che prima o poi la Ferrari dovrà scegliere chi dei due deve essere primo pilota. Tutti gli indizi fanno credere che la scelta può ricadere su Leclerc. Ma, allo stesso tempo, per la Rossa è troppo importante puntare sulla squadra.

Almeno fino al 2026, la coppia Leclerc-Sainz rappresenta la migliore soluzione per Maranello. La consapevolezza del suo valore effettivo può spingere, dunque, lo spagnolo a fare la voce forte nella scelta del rinnovo. Come se l’ultima parola spettasse davvero allo spagnolo.


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter


 

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.