F1 | Ferrari, Renault e Mercedes pronte a progettare la monoposto per i test delle gomme di 18 pollici

Nel 2021 la Formula 1 cambierà faccia. Liberty Media e FIA stanno lavorando duramente sulle novità, fra cui il passaggio dagli pneumatici da 13 a 18 pollici. Ferrari, Renault e Mercedes si sono offerti per progettare e costruire una monoposto per i test delle gomme. F1 gomme 2021

F1 gomme Pirelli
Sebastian Vettel sulla Ferrari SF90 – Foto: twitter Pirelli Motorsport

I team stanno già lavorando sulla monoposto del 2021, anche se il regolamento non è ancora definitivo.

“Forse a giugno o a ottobre verrà approvato. Non appena accadrà, saremo pronti a costruire i vari componenti. La monoposto avrà meno carico aerodinamico, dobbiamo capire bene come costruirla.” Ha dichiarato Nick Chester, il direttore Renault della costruzione del telaio.

Gli pneumatici a basso profilo ammortizzano meno di quelli attuali, pertanto i team dovranno regolare soprattutto gli ammortizzatori e aumentare leggermente l’altezza da terra.

Foto: Pirelli. Confronto fra le gomme 2019 e quelle del 2021

Pirelli spera però che più team nel 2020 si occupino di costruire un’auto prototipo per testare le gomme, molto simile alle monoposto del 2019. Solo i tre team costruttori hanno scelto di collaborare, poiché hanno a disposizione più soldi e più personale che si possa dedicare al progetto.

“I primi test si terranno nella metà di settembre 2019. Per noi è importante ottenere dei dati significativi e anche per gli ingegneri delle scuderie.
Secondo me anche i team minori potrebbero costruire dei prototipi per i test, nel 2020 ci aspettiamo ce ne siano almeno 7”, ha dichiarato Mario Isola.

I dati dei test verranno comunque comunicati anche agli altri team, come successe nel 2017 quando Ferrari, Mercedes e Renault usarano delle monoposto più vecchie per testare l’aumento del carico aerodinamico sulle gomme.

Formula E | Alejandro Agag sogna in grande: Ferrari in Formula E

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.