F1 | Le decisioni della FIA sui motori 2026: maggiore sostenibilità finanziaria e ambientale

La commissione della F1 ha indicato le linee guida dei motori 2026, vediamo insieme come cambieranno le Power Unit

f1 2022 motori 2026 mercedes Power Unit

La commissione della F1 ha parlato dei nuovi motori impiegati dal 2026. Questo è stato il frutto della riunione FIA tenutasi a Parigi per parlare del futuro della categoria.

Infatti, la F1 nel 2026 affronta una nuova era di motori. Questi rimarranno delle Power Uniti V6 ibrida, ma la F1 ha lavorato per diminuire i costi; aumentare la sostenibilità ambientale e attrarre nuovi costruttori.

Quella di attrarre nuove costruttori è un tema molto importante. Con l’abbandono di Honda, infatti, sono rimasti in F1 solo tre costruttori: Mercedes, Ferrari e Renault. Come si legge dal comunicato FIA: “I regolamenti hanno lo scopo di rendere possibile e attraente per i nuovi arrivati unirsi allo sport a livello competitivo“.


Leggi anche: F1 | Team divisi sul budget cap, Ross Brawn: “Inflazione alta, soluzione in arrivo”


Mantenimento dello spettacolo e aumento della sostenibilità

Le nuove Power Unit 2026, verranno progettate cercando di mantenere le stesse prestazioni attuali. Come si apprende dal comunicato FIA, infatti, saranno ancora utilizzati i motori a combustione intera V6.

La vera differenza sarà nell’energia elettrica e nei combustibili. I nuovi motori 2026 avranno: “Un aumento della distribuzione di energia elettrica fino al 50% e utilizzerà un combustibile sostenibile al 100%“. L’idea rientra nell’ottica della sostenibilità ambientale.

Un altro fattore importante riguarderà la sostenibilità finanziaria. L’obiettivo della F1 è quello di ridurre i costi di produzione dei motori, ma mantenendo comunque la loro avanguardia tecnologica.

Nuove Power Unit e regolamenti aerodinamici

Le nuove Power Unit 2026 verranno accompagnate da nuovi regolamenti aerodinamici. La parte aerodinamica partirà dalle vetture 2022 per andrà a migliorare alcuni aspetti.

Alcuni degli obietti prefissati dalla FIA, riguardano:

  • Resistenza aerodinamica. Significativamente ridotta per migliorare la sostenibilità e l’efficienza.
  • Mantenimento di vetture capaci di seguirsi a vicenda.
  • Riduzione delle dimensioni e della massa dell’auto.

Anche nell’ambito degli aspetti aerodinamici sarà importante la sostenibilità. Per farlo verrà continuato il percorso verso la standardizzazione. Questo comporterà la semplificazione di alcuni componenti selezionati al fine di ridurre i costi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Nicholas Cincinelli

Laureato in Scienze Politiche, attualmente studio Giornalismo e Comunicazione multimediale. Da sempre super appassionato di F1