F1 | GP USA – Ad Austin ultimo pacchetto aerodinamico per la Ferrari

In questo weekend Americano andiamo a vedere le novità tecniche portate dai vari team. Fondo Ferrari GP USA

Una delle cose più importanti è stato il nuovo fondo Ferrari, molto interessante perché concettualmente l’opposto dei fondi normali utilizzati in precedenza sia da Ferrari che da tutti gli altri team. Si differenzia dai fondi normali perché, questo presenta dei deviatori di flusso sopra al fondo piatto, rendendolo appunto non più piatto. Fondo Ferrari GP USA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Inoltre la Scuderia di Maranello ha portato un nuovo badgeboard che presenta molti nuovi deflettori e deviatori di flusso piccoli che lo complicano molto rispetto alla versione precedente

I pezzi arrivati verranno poi provati nelle prove libere ed utilizzati dal team nel caso;si scopra l’utilità di questi deviatori di flusso, che hanno il compito di spostare l’aria all’esterno delle gomme per migliorare l’aerodinamica sul posteriore.

Un altra novità è l’Halo Mercedes che diventa addirittura a triplano per migliorare;i flussi d’aria che sono “disturbati” dalla presenza dell’Halo.

Abbiamo poi l’alettone anteriore McLaren nel quale vengono rimossi i canali laterali,;per avere più perforazione e meno drag.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Infine per la Toro Rosso abbiamo una rivisitazione dei deviatori di;flusso sulla pancia infatti viene aggiunto un pezzo agli altri due presenti arrivando quindi a 3.

 

Foto Fabrega

F1 | Non è un addio definitivo alla F1 per Alonso: “Nel 2020 forse tornerò”

Fondo Ferrari GP USA Fondo Ferrari GP USA Fondo Ferrari GP USA Fondo Ferrari GP USA

 

F1 | GP USA – Ad Austin ultimo pacchetto aerodinamico per la Ferrari
Lascia un voto