F1 | Formula Italia

L’Italia ha ospitato tre gare in questo 2020. Vediamo una classifica che conta solamente i punteggi dei tre appuntamenti sulla nostra penisola a Monza, Mugello ed Imola. F1 Italia

F1 Italia
Lewis Hamilton e Daniel Ricciardo, sul podio a Imola e nella classifica delle tappe italiane. Foto: Twitter

Tre Gran Premi validi per il mondiale di F1 in Italia in una sola stagione: la 70a edizione del Gran Premio d’Italia a Monza, la prima del Mugello e il ritorno di Imola. F1 Italia

La storia del Tempio della Velocità abbinata a quella di Imola e agli splendidi tracciati del Mugello e di Imola hanno dato un tocco di italianità nel settantesimo anno di Formula 1.

Una splendida conseguenza di un calendario alternativo causa Coronavirus che ci ha permesso di vedere tre appuntamenti sul nostro territorio.

Qualcosa che non era mai capitato dal 1950 ad oggi per quanto riguarda l’Italia. Accadde solo con un altro Paese in una sola annata: Stati Uniti, 1982, Long Beach-Detroit-Las Vegas.

Monza ci ha regalato un podio inedito con il trionfo di Pierre Gasly su AlphaTauri nella gara più rocambolesca dell’anno. Altrettanto divertenti e ricche di colpi di scena le gare al Mugello e ad Imola.

In un calendario di 17 gare, tre tappe in un’unica nazione possono risultare rilevanti ai fini della classifica. Leggiamo dunque una classifica che fa riferimento ai risultati ottenuti tra le tre gare in Italia.

Classifica piloti

F1 Italia

Nonostante la gara sottotono a Monza, troviamo Lewis Hamilton in vetta anche a questa classifica con due vittorie e tre giri veloci.

Valtteri Bottas insegue con 14 punti di svantaggio, anche se senza l’imprevisto del grosso pezzo della Ferrari di Vettel sotto la sua W11 avrebbe potuto vincere la gara e battere quindi Hamilton.

Al terzo posto troviamo Daniel Ricciardo, senza dubbio il più costante e grazie al podio di Imola è riuscito a conquistare un posto in questa particolare classifica.

Quarta piazza per Pierre Gasly che ha il grande vantaggio della vittoria di Monza ma lo svantaggio di due ritiri che pesano, soprattutto ad Imola.

Quinto e sesto posto a pari merito per i due piloti della McLaren con Sainz davanti a Norris grazie al podio di Monza. Rispetto a Gasly e Ricciardo, lo spagnolo paga un ritiro al Mugello.

Molto bene anche Daniil Kvyat che mette la seconda Alpha Tauri nei primi dieci in gran parte grazie al quarto posto nell’ultimo GP disputato.

Segue Sergio Perez che dopo le difficoltà di Monza è tornato al Mugello e ad Imola avrebbe potuto ambire al podio, gettato via da una strategia sbagliata della Racing Point.

Pari punti per Stroll ed Albon a completare la top 10, entrambi a punti solo in una gara con il podio di Monza e del Mugello rispettivamente. Due ottimi risultati in una stagione molto dura per i due.

Ecco il primo dei due Ferraristi, Leclerc, che ha pagato una mancanza totale di competitività a Monza e al Mugello portando a casa un quinto posto ad Imola con un passo gara nettamente migliore rispetto a quattro gare fa.

Molto staccati Esteban Ocon e Kimi Raikkonen con quattro punti. Per il primo due ritiri per problemi tecnici al Mugello e ad Imola con il solo ottavo posto a Monza, per il finlandese invece tre ottime gare in cui ha raccolto l’intero bottino della classifica mondiale.

Score uguale anche per Vettel e Giovinazzi con un punto. Mentre l’italiano ha raccolto il massimo, Vettel avrebbe potuto chiudere il trittico italiano con più punti con un pit stop pulito nella corsa di Imola.

A zero i due Williams, i due Haas e… Verstappen, ritirato in tutte le tre gare per problemi tecnici. Tre ritiri su tre anche per Magnussen e tre undicesimi posti per la Williams che sfiora solamente i primi punticini.

Classifica costruttori

Dominio Mercedes ovviamente nei costruttori, unico team in tripla cifra con 105 punti. Seguono con più della metà dei punti tutti gli altri.

I primi inseguitori sono McLaren con 48 punti e AlphaTauri con 45; McLaren ha beneficiato di cinque piazzamenti a punti e un podio, mentre Kvyat aggiunge importanti piazzamenti in top 10 alla vittoria di Gasly per la squadra di Faenza.

Perde una posizione rispetto alla classifica reale la Renault che ha sofferto problemi tecnici con Ocon in due gare su tre.

Stessa posizione invece per la Racing Point che ha conquistato un podio con Stroll e tre gare in zona punti con Perez.

Per trovare Red Bull e Ferrari dobbiamo scendere alla sesta e settima posizione a pari merito: per la Red Bull solo il podio di Albon, mentre Leclerc porta gran parte del bottino e lo fa ad Imola.

Troviamo poi l’Alfa Romeo con 5 degli 8 punti in totale. Infine Williams e Haas fanalini di coda con il team di Grove davanti grazie ai tre undicesimi posti.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Hamilton: “Non so se ci sarò nel 2021”

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.