F1 | Gara GP Austria – Leclerc: “Gara buona, poi Max mi ha ripreso”

Prestazione da 10 per il pilota della Ferrari dopo aver consolidato per 70 giri la prima posizione fino all’attacco a curva 3 di Verstappen retrocedendolo alle spalle del #33. GP Austria Leclerc

GP Austria Leclerc
Leclerc in Gara – Foto: Ferrari

Ricordate la noiosissima gara di domenica scorsa al Paul Ricard con tanto di critiche verso la Formula 1 e il monopolio Mercedes? Quella di oggi cancella completamente tutte le malelingue rivolte alla massima serie motoristica, perché proprio;la gara al Red Bull Ring ha letteralmente emozionato dal primo all’ultimo giro. GP Austria Leclerc

Partito in pole position dopo la perfetta qualifica di ieri, allo spegnimento dei semafori Charles Leclerc ha avuto uno scatto felino grazie al quale ha potuto gestire il primo giro da leader, fuggendo dalle possibilità di rimanere rallentato o coinvolto in qualche probabile urto in punti caldi della pista come curva 1 e curva 3. Leclerc partito con una mescola non dura, ha creato subito un gap importante con gli inseguitori. nei suoi specchietti non;c’era la sagoma della Red Bull di Max a causa di un pessimo start bensì quella della freccia d’argento di Valtteri.

“Tutta la gara è stata buona, abbiamo avuto un po’ più di degrado rispetto a quello che pensavamo. Poi Max mi ha ripreso…”

Proprio così. Il monegasco la gara sembrava averla messa in saccoccia già da metà gara in poi. La macchina lo ha dimostrato per tutto il weekend, fin subito dalle prime prove libere del venerdì mattina all’evento concluso poco fa. La Rossa sembrava la Mercedes. Giri fucsia uno dopo l’altro firmati una volta Charles, l’altra Seb, fino a quando anche un certo olandese (spinto alla grande da un’enorme macchia “Oranje” sugli spalti di Zeltweg) chiamato Max Verstappen ha deciso di cancellare sia la gara in Francia sia la bruttissima partenza qui in Austria. Sul finale di gara l’olandese si è incollato negli scarichi della SF90 del monegasco, tentando più volte il sorpasso a curva 3, avvenuto poi con un contatto sotto investigazione.

“Riguardo l’episodio finale saranno gli steward a decidere, anche se per me è stato piuttosto chiaro. Ero all’esterno come nel giro prima sono dovuto andare fuori pista e non avevo possibilità di riprenderlo. Un peccato.”

Analizziamo il caso: Leclerc in prima posizione dall’inizio del Gran Premio si ritrova il coetaneo Verstappen a pochi secondi di distacco, fino alla settantesima tornata quando il #33 si fa più grande negli specchietti della Rossa e prova con coraggio l’attacco a Leclerc nel punto più favorevole per la realizzazione. Curva 3. Prende la scia, si affianca all’interno e in contemporanea stacca ai cento metri. In trazione ne ha la meglio la Ferrari che sguscia via all’esterno riprendendosi la testa perduta per pochissimo a curva 4. Il settantunesimo giro è quello dell’Episodio con la E maiuscola. Copia e Incolla con quello successo il giro prima, Charles davanti, Max dietro con tanto di scia e DRS.

Questa volta l’ex Sauber rimane impossibilitato a chiudere la traiettoria in uscita perché chi ha di fianco lo;ha portato leggermente fuori traiettoria arrivando addirittura ad un contatto ruota contro ruota. Leclerc non può far altro che allungare sul cemento oltre il cordolo e mettersi in coda all’avversario  fino;al taglio della bandiera a scacchi. Dispiace per il binomio Leclerc-Ferrari, sembrava il momento della svolta, della rinascita ma un altro “imprevisto” ha rimandato la festa più in la, in direzione Silverstone, a casa di Hamilton e dall’imbattibile Mercedes (oggi sottotono), nonché luogo della prima vittoria;in Formula 1 della Rossa di Maranello.

Dispiace perché la Scuderia se lo meritava, così come se lo meritava “Il Predestinato” che così freddo e sincero non avrebbe previsto un finale come quello appena concluso.

Seguici anche su Instagram

F1 | GP Austria – Sintesi Gara: al termine di una super gara vince Verstappen, ma è sotto investigazione per un contatto con Leclerc

GP Austria Leclerc

 

Marco Passoni

Progettato nel 1997, fotografo e studente di Comunicazione, Media e Pubblicità alla IULM. Ho sempre voluto lavorare nel mondo della Formula 1 sin da bambino e spero un giorno di arrivarci come responsabile comunicazione o marketing. Instagram: @marcopasso18