F1 | Gara sospesa e punteggio dimezzato: i precedenti

Il Gran Premio del Belgio 2021 è il sesto evento nella storia della F1 ad esser stato sospeso assegnando metà dei punti previsti a ciascun pilota: scopriamo i precedenti.

ll Gran Premio del Belgio 2021 ha avuto una durata di soli due giri. Ciò è abbastanza per entrare nella storia come la gara più corta nella storia della F1 e la sesta a far segnare punteggi dimezzati per team e piloti. Andiamo a rivedere in ordine cronologico i cinque precedenti.

Gran Premio di Spagna 1975

Per la prima volta in assoluto la F1 fa tappa sul nuovo tracciato del Montjuïc. Fu l’unico caso di interruzione a causa di un incidente e non per pioggia. La tragedia arrivò al 26° giro: Stommelen perse l’alettone della sua Hill che andò a sbattere contro le barriere. La vettura carambolò dall’altro lato della pista ribaltandosi e volando oltre le barriere. Le conseguenze furono tragiche: 4 persone persero la vita e Stommelen si ruppe le gambe.

La gara continuò per altri 4 giri prima della sospensione definitiva: prima ed unica vittoria per Mass e prima donna a punti con Lella Lombardi in P6. Il podio è inoltre formato da tutti piloti partenti oltre il decimo posto (secondo fu Icks, terzo Reutemann).

Gran Premio d’Austria 1975

Photo by Rainer W. Schlegelmilch / Getty Images

La F1 non attese tanto per rivedere una gara interrotta: ancora una volta nel 1975, questa volta al Gran Premio d’Austria al vecchio Österreichring. Quando tutto è pronto per la partenza comincia a piovere e le squadre optano per un pit stop per montare le gomme da bagnato, rimandando la partenza di 45 minuti.

La gara partì sotto la pioggia e ad impensierire tutti allo start furono Patrick Depailler e Vittorio Brambilla. Se Depailler perdeva posizioni col passare dei giri, Brambilla aveva un ritmo costante mantenendo la terza posizione.

Lauda, leader della gara, comincia a perdere terreno intorno al giro 14, quando sia Hunt che Brambilla avanzano di una posizione. Arrivano quindi i primi doppiati: il primo è Lunger, compagno di squadra di Hunt alla sua prima esperienza sul bagnato. Il campione del mondo 1976 non riuscì a doppiare il compagno di squadra, mentre l’italiano ci riuscì sorprendendo anche Hunt e conquistando la vetta della gara.

Brambilla aumenta il suo vantaggio giro dopo giro mentre la pioggia continua a colpire Spielberg: la decisione è quella di interrompere la gara al 29° giro. Brambilla ottenne così la sua prima vittoria della carriera su March, seguito da Hunt e Pryce, al suo primo podio in carriera con la Shadow. Chiusero la zona punti Mass, Peterson e Lauda.


Guarda anche: F1 | GP Belgio – I momenti più divertenti durante la bandiera rossa [FOTO e VIDEO]


Gran Premio di Monaco 1984

Proseguiamo con il Gran Premio di Monaco 1984. La partenza della gara fu rinviata di 45 minuti a causa del meteo. Prost scattò bene nonostante la pioggia, ma dietro di lui non mancarono gli incidenti: Arnoux e Warwick si toccarono, con l’inglese che colpì Tambay a sua volta. Il francese della Renault fu costretto a saltare la gara successiva per le ferite riportate.

A sorprendere tutti furono però Senna e Bellof: partiti dalla tredicesima e dalla ventesima posizione sulle modeste Toleman e Tyrrell, erano risaliti fino al 2° e al 3° posto. Addirittura Senna era riuscito a superare Prost (in foto), alle prese con delle anomalie alla sua Power Unit Porsche. Tuttavia la gara fu sospesa al 32° giro e non tutti i piloti avevano tagliato il traguardo. Di conseguenza, furono validi i risultati del giro precedente, consegnando così la vittoria al francese della McLaren. Senna concluse sul podio insieme ad Arnoux (Bellof fu squalificato per un’irregolarità alla sua 012), conclusero la zona punti Rosberg, De Angelis e Alboreto.

Gran Premio d’Australia 1991

F1

Analizziamo quella che fino a domenica era stata la gara più breve in 72 anni di F1: il Gran Premio d’Australia 1991, disputato ad Adelaide.

Le condizioni della pista erano critiche già dalla partenza, con una pioggia torrenziale che cadeva incessante già prima della gara. Dopo una partenza tranquilla nonostante le condizioni avverse, i testacoda e gli incidenti erano dietro l’angolo. Presto furono esposte le bandiere gialle per un doppio incidente, con Larini e Alesi protagonisti. Senna e Mansell furono molto bravi ad evitare le due vetture nonostante la scarsa visibilità.

Al 16° giro arriva la svolta. La pioggia non era affatto diminuita: Mansell e Berger, in P2 e P3 in quel momento, finirono rispettivamente in barriera e in doppio testacoda. Senna quindi cominciò a sbracciare dal suo abitacolo, invocando la sospensione della gara, prontamente arrivata dalla direzione gara.

Si tentò di far ripartire la corsa mostrando anche i warning di dieci minuti, ma le insistenti proteste di Senna e Patrese furono abbastanza convincenti da sospendere la gara definitivamente. La classifica valida è quella del 14° giro: a vincere fu quindi Senna davanti a Mansell e Berger. A punti Piquet, Patrese e Morbidelli, al suo esordio in Ferrari e al suo primo (mezzo) punto in carriera.

Gran Premio della Malesia 2009

F1

Infine il Gran Premio della Malesia 2009: ancora una volta è la pioggia a creare confusione. La partenza della gara fu però sull’asciutto e protagonista in partenza fu Rosberg su Williams. Il tedesco con uno stacco perfetto sale al comando per la prima volta nella sua carriera.

Con le nuvole che si facevano sempre più minacciose, l’arrivo della pioggia era ormai certo e la Ferrari provò a giocare d’anticipo, fermando Raikkonen al giro 17 montandogli addirittura le gomme full wet. La pioggia comincia a cadere però dal giro 19.

La scelta giusta è quella di Glock: montando le intermedie, risalì fino al terzo posto, mentre Raikkonen era crollato. Tutti gli altri seguiranno quindi Glock fino al giro 31: la pioggia è troppo forte, quindi Buemi e Vettel chiedono le gomme da bagnato estremo. Tuttavia sono proprio loro due ad andare in testacoda ritirandosi, aiutando la direzione gara a chiamare la bandiera rossa. La gara, anche su richiesta dei piloti, non ripartì, consegnando ai piloti metà del punteggio previsto. A vincere fu Button davanti ad Heidfeld e Glock. In zona punti anche Trulli, Barrichello, Webber, Hamilton e Rosberg.

Seguici anche su Instagram

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.