F1 | Giovinazzi: “Sogno il podio nel 2021”

Antonio Giovinazzi ha parlato dei suoi obiettivi per il 2021 e ha dichiarato che, oltre a ottenere più punti possibili, il suo sogno è quello di andare a podio con l’Alfa Romeo.

Giovinazzi podio 2021
Facebook @Alfa Romeo

Antonio Giovinazzi gareggerà nel 2021 in quella che sarà la sua terza stagione completa in Formula 1 e anche la sua terza stagione con l’Alfa Romeo. Il pilota italiano ha recentemente confessato quello che la Ferrari si aspettava e si aspetta da lui: ottenere i risultati migliori possibili.

Conquistare un podio nel 2021: solo un sogno?

All’obiettivo della Ferrari, Giovinazzi aggiunge poi un sogno per il 2021: ottenere il suo primo podio in F1. Tuttavia, prima di poter dire che il podio è realmente un obiettivo perseguibile per questa stagione, vuole aspettare e vedere come si svolgono i test pre-campionato.

“L’obiettivo è sempre lo stesso: segnare più punti possibile. Anche se il mio sogno è quello di poter conquistare un podio, che sarebbe anche un meritato premio per tutta la squadra. Ma per capire se questo obiettivo sarà raggiungibile o meno, bisognerà attendere i riscontri che solo la pista può dare in termini di velocità e prestazioni”, ha spiegato Giovinazzi.


I test in Bahrain di questa stagione si presentano con un’ulteriore difficoltà, poiché ogni pilota avrà solo un giorno e mezzo per girare. Tuttavia, il pilota italiano è fiducioso che l’Alfa Romeo sarà in grado di concentrarsi fin dall’inizio su ciò che è importante, poiché l’auto di quest’anno sarà simile a quella del 2020.

Non sarà facile, ma per fortuna la vettura è simile a quella dello scorso anno per molti aspetti. Possiamo concentrarci sul fare più giri possibili e raccogliere dati da analizzare”, ha ammesso il pilota dell’Alfa Romeo.

Questa continuità rispetto al 2020 però, suggerisce anche che quello che si prospetta davanti potrebbe essere un altro anno difficile per il team. Giovinazzi ne è consapevole ma si dice comunque fiducioso del duro lavoro che la squadra ha svolto.

“Sono consapevole che potrebbe essere un’altra stagione difficile. Per ora però prevale la fiducia nel lavoro e in quello che è stato fatto durante l’inverno”, ha insistito.

Sulle Sprint Race

La Formula 1 prevede infine di organizzare sprint race il sabato in alcuni dei Gran Premi di questa stagione. Giovinazzi accoglie questa idea, ammettendo che la sua esperienza con questo tipo di formato non è stata così negativa come supportano invece i molti detrattori.

Ho avuto un’esperienza simile in passato, in GP2. Tuttavia, la gara sprint era dopo la gara principale; la griglia è inoltre invertita nelle prime otto posizioni, quindi non sarebbe la stessa filosofia della F1. Posso dire che l’esperienza in GP2 non è stata così male, ha detto Antonio per concludere.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Lo stratega Ferrari Inaki Rueda sarà direttore sportivo per il 2021

Nicola Fedeli

Studente di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Grande appassionato di F1 e MotoGP da parecchi anni.