F1 | GP Abu Dhabi – Prove Libere Red Bull, Verstappen: “Ancora del lavoro da fare per chiudere il gap con Mercedes”

Un buon venerdì in casa Red Bull, ma c’è ancora da lavorare per colmare il gap con Mercedes.  Abu Dhabi Red Bull

Red Bull Abu Dhabi
Credits: Red Bull Racing Twitter

Un buon venerdì in casa Red Bull nell’ultimo Gran Premio della stagione ad Abu Dhabi. Abu Dhabi Red Bull
Nelle prove libere 1 Max Verstappen ha chiuso in prima posizione e Alex Albon in quarta. Nelle libere 2 le due monoposto austriache hanno concluso dietro le Mercedes in P3 e P4.
Il team spera di recuperare il gap da Mercedes e arrivare a giocarsela in qualifica e in gara.

Alex Albon

“Sono abbastanza contento del risultato di oggi; abbiamo eseguito il classico lavoro delle prove libere e cercato di capire come far funzionare al meglio le gomme. Penso che dobbiamo lavorare sulla gomma soft e su come sfruttarla nella giusta finestra di utilizzo ma le medie sembravano andare bene. Sono solo prove libere e non sono molto sicuro di dove sia Mercedes considerando il risultato di oggi, ma ci stiamo focalizzando su noi stessi; analizzeremo tutto nel dettaglio stanotte prima delle qualifiche per capire dove possiamo arrivare”.

Max Verstappen

“Oggi è stata una buona giornata e c’è ancora del lavoro da fare per chiudere il gap con Mercedes che sembra di nuovo molto forte; non sono riuscito a chiudere un buon giro sulle gomme rosse perché ero dietro a Perez nel long run ed è difficile dire quale sia il gap di preciso”.
“Vedremo cosa diranno gli altri piloti nel briefing stasera sui track limits, ma oggi è il venerdì di libere e la chiave è esplorare i limiti e capire dove ci si può spingere con la vettura. Nelle qualifiche non potremo sfruttare così la pista e faremo più attenzione, ma non credo sia un grosso problema. La gomma soft sembra andare bene in ottica qualifiche e vedremo se potrò sedermi su una sedia diversa in Press Conference domani”.

Seguici sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | GP Abu Dhabi – Prove Libere Russell: “Una strana sensazione tornare in Williams”