F1 | GP Abu Dhabi – Qualifiche Red Bull, Perez: “Siamo riusciti a mettere insieme una grande scia”

Grandissimo lavoro di squadra per Red Bull durante le Qualifiche del GP di Abu Dhabi, con Max Verstappen che è riuscito a superare Lewis Hamilton anche grazie alla scia di Sergio Perez.

Sergio Perez, Red Bull, GP Abu Dhabi. Fonte: Red Bull Twitter

Grande lavoro di squadra per Red Bull durante le Qualifiche del GP di Abu Dhabi, con Verstappen che è riuscito a conquistare la pole anche grazie alla scia di Sergio Perez.

Il messicano ha sacrificato il suo primo tentativo nel Q3 per aiutare il compagno di squadra.

Favore che poi è stato restituito da Max Verstappen, permettendo a Perez di conquistare almeno il quarto posto.

Il pilota ha così commentato il pomeriggio: Penso che il nostro lavoro di squadra oggi sia stato fantastico, soprattutto nel Q3 e sono veramente contento per l’intero team e del risultato ottenuto.

Io e Max avevamo parlato insieme della scia e, grazie alla squadra, siamo riusciti a metterne in pratica una grandiosa. È molto difficile cronometrarlo, se sei troppo vicino puoi danneggiare l’altra macchina e perdere un po’ di downforce.

Ha funzionato perfettamente; penso che se provassimo di nuovo, è molto probabile che andrebbe male!”

Sergio Perez ha poi continuato: “Il team, questo fine settimana, sta lavorando tantissimo e stiamo spingendo duramente. Arrivare quarto in griglia non è l’ideale per me, ma non era la cosa principale oggi. Ho perso la P3 all’ultima curva ma non è un disastro, ci sono ancora molte cose che posso fare domani.

Il mio obiettivo sarà quello di fare la differenza lì davanti, cercherò di prendere Lando subito in modo da poter sostenere Max all’inizio. C’è ancora molto che possiamo fare partendo con la gomma morbida; sarà una gara lunga e non pensiamo che la gomma di partenza possa avere troppo impatto. Penso che ci sia una grande gara davanti a noi”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1| GP Abu Dhabi – Qualifiche, Verstappen in pole: “Sono incredibilmente contento è quello che volevamo”