F1 | GP Abu Dhabi – Strategie per la gara: il degrado ribalta le simulazioni?

Il degrado visto nelle prove libere mette in discussione le simulazioni delle strategie per la gara di Abu Dhabi: le due soste sembrano la via più veloce.

F1 strategie gara GP Abu Dhabi Verstappen Pole Danke Seb

Siamo giunti all’ultima gara della stagione ad Abu Dhabi e anche dal punto di vista delle strategie si prospetta una gara interessante. Il tracciato di Yas Marina, da percorrere per 58 volte, ha offerto un degrado gomma più elevato del previsto. I risultati delle prove libere hanno sorpreso rispetto ai dati pre evento della Pirelli e all’usura vista nella gara della scorsa stagione. 

Le strategie più veloci sembrano quindi essere quelle a due soste. Stando alle informazioni fornite da Pirelli, due pit stop in media lunghi 22 secondi, risultano essere più veloci di 4 o 5 secondi rispetto alla singola sosta. 

Per quanto riguarda le due soste, la strategia ideale sarebbe partire con le medie e passare alle hard per poi chiudere con la media o alla hard nello stint finale a seconda degli pneumatici a disposizione. La soft per concludere la gara non sembra un’opzione valida quanto i due pneumatici più duri della gamma.


In alternativa, la strategia ad una sosta media-hard metterebbe in conto un primo stint allungato con la gestione del degrado. In caso di Safety Car possono essere considerate come alternative hard-soft o viceversa.


Leggi anche: F1 | GP Abu Dhabi – Sintesi qualifiche: Dominio Red Bull, Verstappen in Pole davanti a Perez. 3° Leclerc


Andiamo a vedere quali sono i set a disposizione di ciascun pilota!

  • Due set di hard nuove per Perez, Ferrari, Alpine, un set nuovo per tutti gli altri team;
  • Due set di medie per Mercedes, Verstappen, McLaren, Aston Martin, Williams, Haas, Alfa Romeo, un set per Perez, Ferrari, Alpine e AlphaTauri;
  • Due set di soft nuove per Gasly, Albon, Bottas, Magnussen, un set per Alonso, Tsunoda, Stroll, Latifi, Zhou, Schumacher, tre set usati per tutti gli altri.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.