F1 | GP Abu Dhabi – Vettel: “Libere e test fondamentali in vista del 2020”

Sebastian Vettel ha parlato in vista del prossimo Gran Premio d’Abu Dhabi. Secondo il tedesco, la gara sarà ad una sosta e sarà importante trovare il giusto set-up già dal venerdì pomeriggio.

GP Abu Dhabi Vettel
Foto: Scuderia Ferrari

La Ferrari, e con essa Sebastian Vettel, ha bisogno di rialzarsi dopo la disfatta del Brasile. Vettel conosce molto bene il tracciato di Abu Dhabi, avendo vinto 3 gare sul tracciato di Yas Marina. Negli Emirati Arabi Uniti, Vettel ha anche vinto il mondiale nel 2010, diventando il più giovane campione del mondo della storia. Con la Ferrari, il tedesco è salito sul terzo gradino del podio nel 2016 e nel 2017, sul secondo nel 2018. GP Abu Dhabi Vettel

La sua preview del weekend

Il quattro volte campione del mondo ha sottolineato l’importanza dei test in chiave 2020: “Quella di Abu Dhabi da un lato è l’ultima gara della stagione 2019, ma dall’altro costituisce per molti aspetti anche l’inizio del campionato 2020, dal momento che molti team testeranno alcune parti in prospettiva dell’anno prossimo anche nelle prove libere del venerdì. Martedì e mercoledì prossimi, poi, ci sarà la tradizionale sessione di test che ci permetterà di lavorare tanto sulle gomme della stagione ventura che su quelle 2021″.

Dando uno sguardo a quello che potrebbe essere il weekend finale, Vettel sostiene che sarà importante trovare il giusto bilanciamento nella sessione che più si avvicina di più per condizioni atmosferiche alle sessioni che contano: “I collaudi in chiave futura dei team al venerdì e al sabato mattina avvengono perché le temperature nella prima e nella terza sessione di prove libere sono estremamente alte se messe a confronto con quelle che troveremo in qualifica. Tutto ciò rende quel tempo pista poco significativo per la ricerca del set-up e della configurazione ideale da adottare in gara, tanto vale dunque sfruttarle per un programma diverso”. GP Abu Dhabi Vettel

Analizzando invece la pista e la strategia, Vettel ha dichiarato: “Quella di Abu Dhabi è una pista con molte curve da bassa e media velocità. In contrasto con quanto accaduto a San Paolo, la Pirelli ha comunicato che porterà a Yas Marina le tre mescole più morbide. Ciò nonostante dovrebbe trattarsi di una gara ad una sola sosta, perché è troppo difficile superare nonostante ci siano due chiare zone DRS. Va da sé che la qualifica sarà di grande importanza”.

Per concludere, il tedesco ha logicamente affermato di voler concludere bene il 2019: “Vogliamo terminare questa stagione in crescendo anche se sappiamo che i nostri rivali sono molto forti. Mi aspetto una gara divertente”.

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

F1 | Ocon con Renault già dai test di Abu Dhabi

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.