F1| GP Arabia Saudita 2022-Hamilton: “Saremo in difficoltà anche a Jeddah”

Lewis Hamilton in vista del Gran Premio dell’Arabia Saudita 2022, in programma il prossimo week end, ammette che Mercedes non riuscirà a essere competitiva, come già accaduto nella prima gara stagionale in Bahrain.

Hamilton Arabia Saudita 2022
Credits Hamilton Facebook

Lewis Hamilton pensa che Mercedes non andrà meglio nel Gran Premio dell’Arabia Saudita 2022 del prossimo fine settimana a causa di un “problema fondamentale” con la W13.

Le Mercedes hanno raccolto punti preziosi nel Gran Premio del Bahrain, beneficiando del doppio ritiro della Red Bull. Hamilton è arrivato terzo davanti al nuovo compagno di squadra George Russell. Prima dell’ingresso della Safety Car, Hamilton aveva un distacco di 35 secondi dal leader della gara Charles Leclerc.


Leggi anche: F1 | Wolff: “Il nostro problema non è la Power Unit, non credo ci siano differenze evidenti tra i motori dei vari team. Ferrari? Ora si che sono competitive”


Mercedes sembra aver subito un duro colpo con la sua power unit mentre tutti i team motorizzati Mercedes hanno avuto problemi di velocità nel rettilineo in Bahrain.

Hamilton quindi non pensa che la situazione possa migliorare a Jeddah.

No, non credo“, ha detto Hamilton “Ma, naturalmente, abbiamo imparato molto da questa settimana. In rettilineo Ferrari e Red Bull erano molto veloci, le loro prestazioni in curva sono un po’ diverse per noi.

Hamilton pensa che nel prossimo Gran Premio dell’Arabia Saudita si ripresenterà per Mercedes il problema del porpoising.

Abbiamo sofferto di porpoising anche a Barcellona, durante i test. Sappiamo che non dipende dalla pista. A Barcellona ci sono molti meno avvallamenti rispetto a Sakhir. Sarà difficile trovare una soluzione in tempi rapidi. Quindi anche nella prossima gara soffriremo. Il team sta lavorando per risolvere questo problema”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.