F1 | GP Arabia Saudita – Confermate 3 zone DRS

La FIA non ha apportato cambiamenti alle zone DRS del circuito di Gedda. Saranno le stesse tre della passata stagione e della medesima lunghezza. GP Arabia Saudita DRS.

GP Arabia Saudita DRS
Credit: F1

La Formula 1 torna dopo soli tre mesi a Gedda per la seconda edizione del GP d’Arabia Saudita. Il circuito è stato leggermente modificato. I cambiamenti riguardano soprattutto le barriere, che in alcuni punti sono state spostate per permettere una visibilità migliore ai piloti. GP Arabia Saudita DRS.

L’unico punto in cui il layout è stato modificato è l’ultima curva, quella dove Max Verstappen è finito a muro rovinando un giro fino a quel punto perfetto, che è stata allargata rispetto al 2021. Nonostante questo, la lunghezza ufficiale del circuito è rimasta di 6,174 chilometri.

Sarà la seconda gara della nuova era della Formula 1. Le vetture del 2022 sono state pensate soprattutto per fare in modo che una vettura non risenta dell’aria sporca creata da quella che la precede ed aumentare così l’azione in pista.

In Bahrain, la FIA aveva confermato le stesse 3 zone DRS del 2021, così come la lunghezza di ognuna di esse. Anche a Gedda le zone in cui sarà possibile attivare l’ala mobile saranno esattamente le stesse della passata stagione.

La prima zona DRS inizia all’uscita di curva 19, fino all’ingresso della 22. La seconda parte dall’ingresso di curva 25 per terminare all’ingresso della 27, l’ultima del circuito. La terza ed ultima zona è praticamente attaccata alla seconda e riguarda il rettilineo principale: l’inizio è fissato 170 metri dopo la curva finale e termina all’ingresso della 1.

Le prime considerazioni dei piloti dopo la prima gara affermano che l’obiettivo di seguire più da vicino la vettura davanti è stato raggiunto, però l’effetto scia è minore rispetto al passato, mentre il contributo del DRS è molto potente, anche se non come nel 2021.

Credit: F1-Fansite.com

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

 

F1| GP Arabia Saudita 2022-Hamilton: “Saremo in difficoltà anche a Jeddah”

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari