F1 | GP Arabia Saudita – Haas, Schumacher: “Stavo spingendo perché volevo il DRS su Russell e ho perso il controllo”

Doppio ritiro per Haas nel GP d’Arabia Saudita. Il team americano è deluso dal risultato in una gara dove avevano il passo dei rivali.

GP Arabia Saudita - Haas F1 Team - Mick Schumacher
Foto: Haas F1 Team Twitter

Primo doppio ritiro stagionale per il team Haas nel GP d’Arabia Saudita. Schumacher e Mazepin sono entrambi stati costretti al ritiro a causa di un incidente. Il pilota tedesco ha perso il controllo della sua vettura in curva 23 andando a sbattere violentemente sulla barriera. Questo ha causato la prima bandiera rossa della gara. Nikita Mazepin invece è rimasto coinvolto in un incidente alla ripartenza. Il pilota russo, che aveva raggiunto la 16° posizione, è andato al contato con Russell dopo che il pilota della Williams ha dovuto rallentare per evitare l’auto di Pérez. Questo contatto ha portato alla seconda e ultima bandiera rossa del GP. Tutto il team è deluso dal risultato anche perché Schumacher stava riuscendo a tenere il ritmo della Williams ad inizio gara, invece il GP si è concluso con il primo doppio ritiro dopo 36 appuntamenti.


Leggi anche: F1 | GP Arabia Saudita – Alonso: “Pericoloso correre con i detriti senza Safety Car”


Mick Schumacher:

“Purtroppo stavo spingendo un po’ troppo perché volevo il DRS su Russell e ho perso il controllo andando a sbattere in T23. Il ritmo sembrava essere lì, stavamo comodamente tenendo il passo della Williams e penso che questo era ciò che davvero non ci aspettavamo, quindi eravamo molto motivati ma forse un po’ troppo in quel caso. I punti sono ancora l’obiettivo, quindi speriamo di riuscirci”.

Nikita Mazepin:

“È stato un bell’impatto purtroppo. Abbiamo guadagnato una posizione senza fermarci e stavo lottando con Stroll uscendo dalla T2. La prossima curva è sempre veloce e doveva esserlo per entrambe le auto, ma all’improvviso, la macchina davanti – che era Russell – ha frenato. Ho anche provato a frenare ma non c’era possibilità di fermarsi da 200 a 0, così l’ho preso e guardando il replay c’era una macchina all’interno che lui stesso stava cercando di evitare”.

Guenther Steiner:

“Una giornata deludente oggi con due macchine incidentate nella penultima gara dell’anno. Mick ha solo cercato di tenere il passo con la Williams, cosa che non è riuscita, e Nikita era in una posizione in cui non poteva fare nulla – era un passeggero di qualsiasi cosa sia successo davanti a lui. Sfortunato, ma c’è un altra gara da fare e poi andiamo avanti”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

mm

Giada Di Somma

Appassionata di motori da sempre. Studio comunicazione a Roma e spero di poter rendere la mia passione un lavoro.