F1 | GP Arabia Saudita – Russell: “Non siamo qui per lottare per il sesto posto. C’è tanto lavoro da fare.”

La sofferenza continua: in quel dell’Arabia Saudita, giornata NO per Mercedes, dove a regalare l’unico spunto è George Russell che posiziona la sua W13 in sesta posizione.

Arabia Saudita Russell
George Russell – ArabianSaudiGP via Twitter

La sofferenza continua: in quel dell’Arabia Saudita, giornata NO per Mercedes, dove a regalare l’unico spunto è George Russell che posiziona la sua W13 in sesta posizione.

Un sabato dal sapore dolce amaro per il team tedesco, che sembra non trovare soluzione ai suoi problemi. Dopo un venerdì in crescita, nessuno si aspettava un sabato di questo tipo da Mercedes, soprattutto per la squadra dominante negli ultimi sette anni. Una doccia fredda l’eliminazione nel Q1 di Lewis Hamilton che non succedeva dal lontano Brasile 2017, quando a metterlo fuori dai giochi fu un incidente.

L’unico guizzo di positività per il team di Brackley è stato regalato da George Russell. Dopo la fatica durante le FP1 di ieri dove si era posizionato 15°, durante la sessione di qualifiche è riuscito a portare la sua vettura in sesta posizione alle spalle di Red Bull, Ferrari e quelle di Esteban Ocon.

Nonostante una prestazione migliore di quella del compagno di squadra e un sesto posto che sembra oro in questo momento, il #63 non è sembrato così soddisfatto della prestazione. Queste le sue parole:

Stiamo faticando a capire la macchina. Abbiamo una finestra molto piccola in cui posizionarci ed è molto difficile riuscire a portare la macchina lì, onestamente non so neanche come ci siamo riusciti. Lewis invece, con un assetto diverso dal nostro non è riuscito a trovare quella finestra e questo dimostra quanto sia piccolo il margine entro il quale possiamo lottare e anche quando rientriamo perdiamo comunque tanta prestazione. C’è tanto lavoro da fare.

Leggi anche: F1 | GP Arabia Saudita – Disastro Hamilton nelle qualifiche: quali sono i problemi della Mercedes W13?

“Siamo una squadra e come tale, non è stata una bella serata per noi. Non siamo qui per lottare per il sesto posto. Ma risolveremo i problemi che abbiamo, non ho dubbi. Dobbiamo solo essere pazienti. ha concluso il pilota inglese.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Sara Cigagna

Classe 2001, studentessa di Linguaggi dei Media presso l'Università Cattolica di Milano e aspirante giornalista innamorata della F1.