F1 | GP Arabia Saudita – Schumacher e l’incidente da 33G: dalla paura al ritorno nel paddock

L’incidente di Mick Schumacher nel Q2 d’Arabia Saudita ha portato i sensori a registrare una forza di 33G: il pilota ha trascorso la notte in hotel, prima di tornare nel paddock la domenica.

schumacher arabia saudita incidente 33g
Fonte: @HaasF1Team Twitter

Le qualifiche del weekend di Jeddah lasciano i fans con il fiato sospeso quando, nel corso della seconda manche di qualificazione, le telecamere inquadrano una Haas distrutta. È la monoposto di Mick Schumacher: il tedesco – tradito da un passaggio su un cordolo – perde il controllo della vettura nella sezione di curva 11. L’impatto con le vicinissime barriere è spaventoso. schumacher arabia saudita incidente 33g

L’apprensione si amplifica nel momento in cui la regia internazionale non trasmette alcuna comunicazione radio. I soccorsi sono celeri, ma la mancata uscita immediata di Mick dall’abitacolo preoccupa gli addetti ai lavori. Ci vogliono alcuni istanti per comprendere che il pilota è cosciente e apparentemente illeso. Trasportato al pronto soccorso della città araba, Schumacher conferma le buone condizioni di salute agli approfonditi controlli.


Leggi anche: F1 | GP Arabia Saudita – Disastro Hamilton nelle qualifiche: quali sono i problemi della Mercedes W13?


Ma torniamo al momento dell’impatto. Secondo quanto riportato da AMuS ed il proprio volto Tobi Grüner, all’istante dell’incidente i sensori della Haas hanno misurato una forza di 33G. Violento schianto, se si pensa anche alla scarsa protezione delle barriere in quella zona del tracciato. Per dare qualche numero l’impatto di Verstappen a Silverstone nel 2021 fu di 51G, quello di Grosjean in Bahrain nel 2020 di 67G.

Nel tweet del giornalista tedesco si comprende come le protezioni laterali siano state ampiamente messe alla prova, svolgendo però il proprio lavoro alla perfezione. schumacher arabia saudita incidente 33g

La Haas ha annunciato nella serata di sabato che prenderà parte al GP di Arabia Saudita con il solo Kevin Magnussen. Una buona notizia arriva poi nel primo pomeriggio del giorno di gara: un post del team americano sui social mostra un sorridente Mick Schumacher tornare nel paddock.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.