F1 | GP Arabia Saudita – Telaio e power unit di Leclerc salve nonostante l’incidente

La Scuderia Ferrari ha comunicato che il telaio e la power unit di Leclerc sono salve dopo il violento incidente occorso al monegasco nelle prove libere 2.

telaio power unit Leclerc
(Photo by Giuseppe CACACE / AFP) (Photo by GIUSEPPE CACACE/AFP via Getty Images)

Durante le prove libere 2 del GP dell’Arabia Saudita, Leclerc ha perso il controllo della vettura ed è finito nelle barriere. L’incidente è avvenuto in curva 22, a pochi minuti dalla fine della sessione. Il monegasco ha perso il posteriore a centro curva e la vicinanza con le barriere gli è costato l’impatto che ha rischiato di danneggiare telaio e power unit.

Il pilota è uscito dall’auto illeso anche se ha dovuto sostenere i controlli medici di rito e dalle prime immagini televisive sembrava un po’ zoppicare. La vettura numero 16 ha riportato grossi danni soprattutto sul lato destro, oltre alla parte anteriore e posteriore completamente distrutte.

Appena tornata ai box, dopo un’attenta analisi degli uomini in rosso, la Ferrari attraverso i suoi canali social ha comunicato che la vettura non ha subito danni al telaio e alla power unit. Ricordiamo infatti che da quest’anno vige la regola del budget cap, quindi la sostituzione del telaio sarebbe stata negativa in termini economici per il team. Lato power unit, avendo superato il numero consentito da regolamento, Leclerc avrebbe rischiato una penalità in griglia di partenza nel caso fosse stato montato un nuovo motore.


Leggi anche: F1 | GP Arabia Saudita – Sintesi FP2: Hamilton si conferma il più veloce; Leclerc va a muro


Fortunatamente, dunque, i meccanici del Cavallino questa sera avranno meno lavoro da fare rispetto a quello che si pensava e la vettura di Leclerc sarà pronta per disputare la giornata di domani. I distacchi, dopo queste prime due libere, sembrano molto tirati. Ci si aspetta dunque una grande lotta domani a centro gruppo. Visto il layout del circuito, sorpassare sembra difficile, quindi sarà molto importante la qualifica di domani in ottica gara.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Marco Cesaroni

Classe 2001, studente di Ingegneria Meccanica presso l'Università degli Studi di Perugia.