F1 | GP Arabia Saudita – Verstappen furioso: “Questa non è Formula 1!”

Max Verstappen, votato Driver Of The Day, ha commentato il GP d’Arabia Saudita: “Questa non è Formula 1!”.Verstappen formula 1

Max Verstappen, votato Driver Of The Day, ha commentato il GP d’Arabia Saudita: “Questa non è Formula 1!”

Il pilota della Red Bull è arrivato secondo dietro ad Hamilton sul circuito cittadino di Jeddah. Gara pazza, con due bandiere rosse a distanza di pochi giri. E con una penalità di cinque secondi aggiunta al tempo dell’olandese per aver ottenuto un vantaggio da Hamilton. È stato anche convocato dagli steward per una presunta violazione del codice sportivo internazionale della FIA. Ciò per un incidente con Hamilton alla curva 27 quando il pilota della Mercedes ha affermato che Verstappen lo ha bloccato.

A Verstappen era stato ordinato dalla sua squadra di lasciar passare Hamilton, dopo essere andato largo alla curva 1. Ma ha rallentato improvvisamente sul rettilineo di ritorno verso l’ultima curva e Hamilton gli è finito dietro. Essendo rimasto davanti a Hamilton dopo questo contatto, ha poi ascoltato l’ordine di far passare la Mercedes nell’ultima curva prima di tuffarsi di nuovo all’interno. L’olandese è stato quindi penalizzato di cinque secondi e, quando le sue gomme medie hanno iniziato a consumarsi, è stato superato da Hamilton.


Leggi anche

F1 | GP Arabia Saudita – Hamilton vince davanti a Verstappen tra le polemiche, caos a Jedda!


Il commento di Max

Verstappen è stato premiato come pilota della giornata e in un’intervista subito dopo aver tagliato il traguardo ha sfogato il suo disappunto per come si è svolta la gara. “Fortunatamente i fan hanno le idee chiare sulle corse perché quello che è successo oggi è incredibile”, ha detto. “Sto solo cercando di correre e questo sport in questi giorni riguarda più le penalità che le corse. Per me questa non è la Formula 1, ma almeno i fan si sono divertiti. Ho dato tutto oggi, ma chiaramente non ero abbastanza veloce. Ma comunque, felice del secondo posto”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.