F1 | GP Australia – Anteprima Brembo: decelerazioni variabili e stress medio-alto sui freni

La Formula 1 torna a correre nel circuito di Albert Park dal 12 al 15 marzo. Circuito mediamente impegnativo per l’impianto frenante, esaminiamone le caratteristiche. GP Australia Anteprima Brembo

GP Australia Anteprima Brembo
Credits: Brembo

Il circuito è lungo 5303 metri e presenta 8 punti di frenata. Si tratta di un circuito cittadino, che si snoda tra le strade di Albert Park. Il record di percorrenza è stato siglato nelle qualifiche dello scorso anno da Lewis Hamilton, che ha fermato il cronometro in 1:20.486. GP Australia Anteprima Brembo
Il tracciato risulta abbastanza impegnativo per gli impianti frenanti. La caratteristica dei punti di frenata è quella di avere intensità molto variabile e quasi tutti presentano un grado medio-alto di difficoltà.
Essendo un circuito cittadino, la pista va gommandosi progressivamente durante il weekend e lo stress su pneumatici e impianti frenanti aumenta progressivamente, così come le velocità delle vetture.

Le frenate più critiche sono quelle di curva 3, curva 9 e curva 13.

Tracciato Melbourne
Circuito di Melbourne

Il numero di giri da percorrere per completare un Gran Premio è di 58. Della durata di un intero giro 13,5 secondi vengono spesi in frenata, corrispondenti al 17% del tempo totale. Il tempo sul giro medio considerato da Brembo è 1:21.26.

Analisi dei punti di frenata

Frenate Melbourne
Intensità delle frenate del Circuito di Albert Park

La frenata di curva 1 è quella in cui si arriva con la velocità più alta (342 km/h). Nonostante ciò, non è la più stressante per l’impianto frenante, in quanto anche la velocità di uscita è elevata (168 km/h).
La staccata più impegnativa è quella di curva 3, dove la velocità di ingresso è di 317 km/h, mentre quella di uscita di 103 km/h. I piloti frenano per 2,11 secondi e sono soggetti a una decelerazione pari a 5,3 g, applicando un carico sul pedale di 145 kg. La frenata avviene in 109 metri, con una potenza frenante di 2501 kW.

Ugualmente impegnativa è anche la frenata di curva 9, dalla durata più breve: 1,83 secondi. Lo spazio di frenata è di 97 metri, mentre il carico esercitato dal pilota sul pedale del freno è pari a 112 kg. La decelerazione è pari a 4,8 g con una potenza dissipata di 2013 kW.

In curva 13 troviamo la frenata con il più alto carico richiesto al pilota sul pedale del freno: 167 kg. La decelerazione subita dai piloti è pari a 5,6 g (la più alta del tracciato), con una potenza frenante di 2315 kW.

Dati e immagini forniti da Brembo.

Seguici su Instagram!

F1 | Analisi tecnica Mercedes – Perchè la presa d’aria posteriore non è conforme ai regolamenti?