F1 | GP Australia – Anteprima Haas, Steiner: “Melbourne un’incognita per me”

Sul tracciato dove storicamente la scuderia sorprende in qualifica per poi pasticciare in gara, la Haas è pronta a ricominciare la stagione nella speranza che sia la volta buona per concretizzare ottimi piazzamenti nel Gp di Australia

Haas GP Australia
Credits: Davide Galli per F1inGenerale

Inizia il primo giorno di scuola anche per la Haas. Il team capitanato da Guenther Steiner si appresta ad affrontare il primo GP stagionale in Australia che negli ultimi anni ha fatto penare la squadra americana. Dopo delle buone sessioni di test prestagionali, ci sono tutti i requisiti per vedere finalmente la Haas conquistare due buoni piazzamenti sul tracciato di Albert Parl. Leggiamo insieme le dichiarazioni di Steiner e dei due piloti alla vigilia del weekend. Haas GP Australia

Guenther Steiner

“Una cosa è certa quest’anno, per quanto abbiamo visto dai test il centrogriglia è molto serrato. Non so dove ci piazzeremo nel centrogriglia, magari qualcun altro può, ma è molto difficile fare previsioni. Lo scopriremo soltanto durante le qualifiche a Melbourne”

“Melbourne è sempre un’incognita per me. Abbiamo ottenuto piazzamenti fantastici ed eravamo sul punto di conquistare dei grandi risultati prima che ci incasinassimo. Abbiamo davvero avuto un po’ di tutto qua. Ma mi piace sempre andare a Melbourne, anche in caso di risultati altalenanti. L’ho sempre trovata una corsa interessante: non puoi mai sapere cosa accadrà”

Romain Grosjean

“Qua abbiamo avuto un po’ qualche ottima qualifica, sono sempre stato comodamente nella top ten se non per un paio di eccezioni. In gara, devo dire, la mia fortuna non è sempre stata buona in Australia. Ho la sensazione che le cose saranno differenti quest’anno e non vedo l’ora” Haas GP Australia

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Kevin Magnussen

“Non credo sinceramente che l’Albert Park si adatti al mio stile di guida, ma detto questo, non è una pista che non mi piace del tutto, mi diverte guidare su questo tracciato. E’ una pista piuttosto normale per me e penso che sono stato abbastanza fortunato ad avere delle buone gare qua. Per quanto mi riguarda non riesco a trovare nessuna ragione per cui l’Albert Park debba essere una pista migliore di altre. Penso che sia solo una coincidenza se abbiamo avuto delle buone gare qua. Ovviamente dopo che hai avuto delle belle gare in un circuito non vedi sempre l’ora di tornarci perchè i bei ricordi danno belle emozioni.”

F1 | Renault presenta la nuova livrea ufficiale 2020

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"