F1 | GP Australia – Il venerdì in casa Racing Point: “Poche correzioni e daremo battaglia”

Entrambe le Racing Point chiudono il primo giorno di prove libere fuori dalla top ten. Le sessioni sono servite al team per sperimentare il nuovo pacchetto aerodinamico. I distacchi ridotti tra i team di centro classifica tuttavia lasciano ancora aperte tutte le possibilità. Racing Point gp australia

Foto: Racing Point

Sergio Perez

Sergio Perez ha concluso entrambe le sessioni in sedicesima posizione. Nelle FP1 il messicano della Racing Point ha completato 21 giri con il miglior tempo in 1:25:498, mentre al pomeriggio ha fermato il cronometro a 1:24:401, nel migliore dei suoi 34 giri.

Queste sono le parole con cui Perez ha commentato il venerdì di prove sul portale ufficiale della Racing Point.

“E’ sempre una bella sensazione tornare in macchina per l’inizio della stagione, ma non siamo ancora dove vorremmo in termini di competitività. Queste prime due sessioni sono state abbastanza difficili per me e non sono molto ancora contento del bilanciamento della vettura e delle gomme. Abbiamo avuto tanti componenti nuovi in macchina oggi e dobbiamo ancora comprenderli a pieno, quindi abbiamo cercato di arrivare al miglior compromesso possibile per domani. E’ difficile dire dove siamo rispetto agli altri team dopo un solo giorno di prove, ma sappiamo che il centro gruppo è molto ravvicinato, quindi qualsiasi cosa troveremo durante la notte sarà di aiuto”.

 

Lance Stroll

Uno degli obiettivi per la prossima stagione di Lance Stroll è quello di mettere a tacere le voci sulla sua presenza in Formula 1 non dovuta al suo talento. Sebbene le prove libere non possano quasi mai essere considerate attendibili, il weekend australiano è iniziato nel migliore dei modi per il canadese, che si è messo alle spalle il compagno di scuderia in entrambe le sessioni.

Foto: Racing Point

Al mattino Stroll ha inanellato 26 giri, terminando in quindicesima posizione grazie al miglior crono in 1:25:288. Nella sessione pomeridiana si è ulteriormente migliorato, agguantando la tredicesima piazza con il tempo di 1:24:011 dopo 38 giri percorsi. Nonostante tutto, il nuovo pilota della Racing Point è apparso cauto nelle sue dichiarazioni.

“Non è facile arrivare a molte conclusioni dopo le sessioni di oggi. Abbiamo seguito un grande programma di test provando a capire le nuove parti aerodinamiche, ma c’era abbastanza vento e questo rende sempre le cose un po’ più complicate. Sono solo i primi giorni, ma a centro gruppo sono tutti molto vicini e ogni decimo sarà determinante in qualifica. Studieremo i dati questa notte, lavoreremo su un paio di aree deboli e torneremo domani più forti. La macchina nel complesso sembra buona, gli ingredienti ci sono, dobbiamo solo fare poche correzioni e penso che potremo essere direttamente lì a dare battaglia”.




Otmar Szafnauer

Ha commentato il venerdì di prove anche Otmar Szafnauer, team principal di Racing Point.

“Abbiamo avuto un solido primo giorno a Melbourne. Abbiamo percorso 119 giri, provando le tre mescole a nostra disposizione e abbiamo dati a sufficienza per aiutarci a prendere delle decisioni stanotte. Le condizioni della pista erano abbastanza ragionevoli sin dall’inizio, ma il vento è stato forte per tutto il giorno. Una delle priorità era valutare il nostro nuovo pacchetto aerodinamico e abbiamo montato diversi strumenti per i test sparsi per le macchine. Le prime indicazioni sono incoraggianti, ma abbiamo ancora bisogno di lavorare e capire tutte le informazioni raccolte oggi. Il centro griglia sembra essere molto vicino, quindi fare il massimo in qualifica sarà particolarmente importante, perché sorpassare non è mai facile all’Albert Park.”

F1 | GP Australia – Sintesi e Risultati Prove Libere: Mercedes domina entrambe le sessioni.

Racing Point gp australiaRacing Point gp australia Racing Point gp australia

mm

Carlo Platella

Nato e cresciuto a Torino, studio ingegneria dell'Autoveicolo nel Politecnico della mia città. Ho una grande passione per il motorsport in tutte le sue forme che mi piace trasmettere negli articoli. Ho lavorato nella Squadra Corse della mia università con la speranza un giorno di entrare in Formula 1.