F1 | GP Australia: Multa di 5000 euro per Sebastian Vettel

Il week end del Gran Premio di Australia inizia con una multa di 5000 euro per Sebastian Vettel. Il pilota tedesco è entrato in pista con uno scooter senza aver avuto l’autorizzazione dai commissari.

vettel multa Australia
Credits F1 Facebook

I commissari di gara inflitto una multa a Sebastian Vettel al termine della seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Australia. La stagione di Sebastian Vettel inizia solo in Australia, perché era risultato positivo al Covid e ha dovuto saltare le prime due gare.

Durante la prima sessione di prove libere Vettel ha dovuto parcheggiare la sua Aston Martin a bordo pista, a causa di un problema al motore. Il pilota tedesco è anche intervenuto con l’estintore quando ha visto uscire fumo dal posteriore della monoposto. Per tornare ai box, Sebastian Vettel ha guidato uno scooter in pista quando mancavano cinque minuti al termine delle prove libere, in regime di bandiera rossa.


Leggi anche: F1 | GP Australia – Reprimenda per Sainz dopo l’impeding su Zhou nelle FP1


Di fatto, Vettel è reo di aver violato l’articolo 26.7 del regolamento sportivo di Formula Uno. Gli Steward hanno convocato Vettel e i rappresentanti del team esaminando le prove video. Vettel ha raccontato di aver chiesto al commissario di poter guidare lo scooter per tornare ai box. Con l’autorizzazione del commissario, il pilota dell’Aston Martin è salito sullo scooter, aspettandosi che il commissario salisse dietro di lui. Quando non è salito, il tedesco è partito da solo per il box, senza la previa approvazione per farlo. Rendendosi quindi colpevole della violazione dell’articolo 26.7.

Il pilota ha possibilità impugnare la decisione degli Steward, in conformità con l’articolo 15 del Codice Sportivo Internazionale FIA e il Capitolo 4 delle Regole Giudiziarie e Disciplinari della FIA.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.