F1 | GP Australia – Velocità Massime Qualifiche: Pole Leclerc, ma chi è il più veloce in rettilineo?

Le spettacolari qualifiche di questa mattina certamente non hanno fatto pentire i fans di essersi svegliati presto! Si è assistito a diversi colpi di scena nonché ad un’immensa prova di forza della Ferrari. Andiamo ad analizzare le velocità massime delle qualifiche F1 del GP di Australia.

Australia GP F1 velocità massime qualifiche top speed trap Leclerc Verstappen Ferrari Red Bull
Analisi delle velocità di punta registrate durante le Qualifiche F1 dell’Australia. (Credits: Matteo Quattrocchi x F1inGenerale)

La solita Red Bull

Nonostante la Red Bull abbia mancato la pole di quasi 3 decimi, la scuderia ha confermato ancora una volta la sua supremazia nei rettilinei. La RB18 ha dimostrato la sua sublime efficienza anche su un circuito cittadino ad alto carico, quindi ben diverso dai precedenti. In aggiunta continua a rivelarsi molto competitiva anche la Power Unit da loro montata, che a partire da questa stagione prende il nome di Red Bull Powertrain. A confermarlo sono le velocità massime registrate da Perez e Verstappen durante le qualifiche del GP di Australia, rispettivamente la prima e la terza nella classifica delle top speed.


Leggi anche: F1 | GP Australia – Analisi microsettori: Ferrari molto veloce nel misto, sorpresa Alpine!


Alpine sorprendente

Tra le sorprese delle qualifiche c’è proprio l’Alpine. Infatti, la scuderia francese non solo è riuscita ad entrare con entrambe le vetture in Q3 ma, prima del problema di affidabilità, Alonso sembrava avere la velocità addirittura per raggiungere la seconda fila. Questa loro competitività si è riflessa anche nelle velocità di punta. Infatti, i piloti della scuderia hanno registrato top speed tra le 4 più veloci. La Power Unit Renault, nonostante non sembri ancora sufficientemente solida dal lato affidabilità, per quanto concerne la prestazione sembra invece essere decisamente al passo con la concorrenza.

Motorizzati Ferrari sottotono

A brillare meno del solito sono i motorizzati Ferrari. Infatti, 5 su 6 occupano la seconda metà della classifica delle velocità massime. Il motore Superfast si conferma il più competitivo per quanto riguarda la curva di accelerazione, tuttavia è sembrato faticare ad alte velocità. Va però citata l’ipotesi che questa défaillance sui rettilinei sia dovuta alla scelta di una configurazione aerodinamica più carica, al fine di privilegiare la prestazione in curva. Il circuito di Melbourne, infatti, è abbastanza tortuoso e presenta possibilità di sorpasso al di sotto della media. Perciò la competitività sui rettilinei risulta leggermente meno importante del solito.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

mm

Matteo Venezia

Studente di ingegneria meccanica, classe 2002. Appassionato e studioso della tecnica di Formula 1, in particolare dell’area strategica.