F1 | GP Austria – Analisi post gara Pirelli: numerose safety car incentivano differenti strategie

Come consuetudine analizziamo le strategie del GP d’Austria con l’analisi dei dati Pirelli. La pazza gara, con gli ultimi giri pieni di azione e adrenalina, ha visto Bottas spuntarla su Leclerc e Norris, che festeggia il suo primo podio in F1.

GP Austria analisi Pirelli
Foto automotorinews

Conclusosi il GP d’Austria, facciamo il punto della situazione con l’analisi Pirelli. Le numerose safety car hanno cambiato repentinamente le carte in tavola, lasciando ai team e ai piloti la possibilità di sbizzarrirsi con le strategie.

I punti salienti della gara:

  • Il pilota della Mercedes Valtteri Bottas ha sfruttato il primo periodo di safety car per passare da pneumatici soft a hard. Ha così mantenuto il vantaggio sui rivali dall’inizio alla fine, avendo eseguito un solo pit stop, strategia prevista come la più veloce. È stato l’unico pilota sul podio ad aver fatto una sola sosta.
  • Un altro, molto più lungo, periodo di safety car, a pochi giri dalla fine, ha portato ad un altro giro di pit-stop, ma Bottas (così come il suo compagno di squadra Lewis Hamilton) è rimasto in pista – a differenza di molti dei loro rivali che si sono fermati nuovamente.
  • Il primo periodo di SC è stata la svolta strategica, con tutti i piloti che hanno montato le gomme dure per il loro secondo stint. L’unica eccezione è stata Sergio Perez della Racing Point, che ha corso lo stint finale su mescola media. Il messicano ha poi terminato in sesta posizione.
  • Il secondo e terzo classificato, Charles Leclerc della Ferrari e Lando Norris della McLaren, hanno utilizzato tutte e tre le mescole disponibili per questo weekend di gara.

Gp Austria analisi Pirelli

Le parole di Mario Isola, responsabile Pirelli F1 e Car Racing:

Le scelte strategiche sono state influenzate dalle numerose safety car e tutte le squadre hanno saputo reagire bene ai repentini cambiamenti in pista. Ciò ha anche trasformato quella che ci si aspettava essere una gara ad un solo pit stop, in una a due soste per alcuni piloti. C’è stata molta azione sia dentro che fuori dalla pista e tutte e tre le mescole si sono comportate secondo le nostre previsioni, contribuendo a spaziare con differenti strategie. Congratulazioni anche a Lando Norris della McLaren per aver ottenuto il suo primo podio in Formula 1 e giro più veloce. È stato un inizio di stagione molto difficile per tutti, con la pandemia di Covid-19, ma emozionante e ricco d’azione. Non vediamo l’ora di ripetere la gara qui a Spielberg.”

Gp austria analisi pirelli

Immagini e dati Pirelli

Seguici su Telegram, Facebook, Instagram e Twitter

F1 | GP Austria – Binotto: “Dobbiamo capire perché la SF1000 non ha la performance che ci aspettavamo”

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.