F1 | GP Austria – Anteprima Brembo: Circuito corto e frenate ravvicinate

Finalmente la Formula 1 torna a correre, con un doppio appuntamento in Austria. Andiamo a vedere le caratteristiche del circuito secondo Brembo. GP Austria Anteprima Brembo

GP Austria Anteprima Brembo

Il circuito di Spielberg è il più corto del mondiale e un giro viene percorso in poco più di un minuto. Merito delle alte velocità, ma anche del ridotto numero di curve, tre delle quali richiedono un impiego dei freni maggiore di un secondo. GP Austria Anteprima Brembo
Charles Leclerc ha firmato la pole position lo scorso anno, con il tempo di 1:03.003.

Il tracciato è lungo 4318 metri e durante l’intero Gran Premio viene percorso per 73 volte. L’impegno per gli impianti frenanti è considerato medio da Brembo.
Durante un giro vengono effettuate 7 frenate per un tempo totale di utilizzo dei freni di 10 secondi al giro, pari al 16% del tempo totale. Nell’intera durata del GP i freni vengono utilizzati per 12 minuti.

Tracciato GP Austria
Circuito di Spielberg [Credits: Brembo]
Il circuito del Red Bull Ring presenta 7 frenate, 3 delle quali risultano impegnative, con decelerazioni superiori a 5g e durata maggiore di un secondo.
La prima parte del tracciato risulta impegnativa per l’impianto frenante, che viene utilizzato durante le tre frenate più impegnative a distanza ravvicinata. Questo aspetto risulta in un ridotto tempo per il raffreddamento.
Nella seconda parte del tracciato i freni vengono utilizzati per periodi molto più brevi e con decelerazioni molto inferiori.

Le caratteristiche dei punti di frenata

La frenata più impegnativa è quella di Curva 3, dove le vetture passano da una velocità di 331 km/h a 84 km/h in 2,67 secondi e 130 metri.
La decelerazione è pari a 5,3g e il carico sul pedale raggiunge i 176 kg.
La potenza dissipata è pari a 3064 kW.

Frenate GP Austria
Intensità delle frenate del Red Bull Ring [Credits: Brembo]
Altre due frenate impegnative sono quelle di curva 1 e curva 4 nelle quali la velocità di ingresso è superiore ai 340 km/h. In entrambe la decelerazione è nuovamente superiore a 5g, con potenze dissipate pari a 2565 kW e 2909 kW rispettivamente.

Nella seconda parte del tracciato le frenate sono molto meno marcate, con una media di 2,3g di decelerazione. Il tempo di utilizzo è pari a 3,18 secondi per ogni giro, la metà di quello della prima parte del circuito.

Dati e immagini forniti da Brembo

Seguici su Instagram!

F1 | Anteprima Pirelli GP Austria: “Un’edizione senza precedenti”