F1 | GP Austria – Anteprima Williams: “Sfida significativa per power unit, gomme e freni”

George Russell e Robert Kubica apprezzano il circuito del Red Bull Ring, ma sono consapevoli del fatto che anche in Austria saranno relegati nelle retrovie. Williams GP Austria

Williams GP Austria
Robert Kubica – Foto: twitter Rokit Williams Racing

Le gare passano e le due vetture di Grove non accennano ad avvicinarsi al resto del gruppo. Una nota di merito va fatta per i due piloti. Nella qualifica dell’ultima gara al Paul Ricard, George Russell si è difeso egregiamente, realizzando un tempo un secondo più alto della Racing Point di Stroll, terz’ultimo. Williams GP Austria

Poi in gara, i due hanno dato vita ad una bella battaglia, con Kubica che alla velocissima curva Signes è riuscito a difendersi dall’attacco all’esterno del compagno di squadra.

Williams dunque fanalino di coda e c’è da credere che anche in Austria la situazione non cambierà.

Dave Robson, capo ingegnere di pista

“Le montagne della Stiria offrono lo scenario drammatico per il nono round del campionato 2019. La pista è uno dei circuiti ad un’altitudine più elevata e ha il più grande cambio di altitudine di qualsiasi circuito del calendario oltre a Spa. Queste caratteristiche si combinano con la superficie della pista liscia e gli alti cordoli per renderlo una sfida significativa per pneumatici, freni e power unit. La configurazione del circuito, con tre lunghi rettilinei e solo nove curve, dà origine a uno dei giri più veloci dell’anno: la pole position nel 2018 è stata realizzata con un tempo di poco più di 63 secondi”.

“Come in Francia, la Pirelli ha portato le tre mescole di mezzo della sua gamma e ci si possono aspettare strategie simili. Lo pneumatico anteriore destro può avere difficoltà nel rapido complesso di curva 5 e 6, se i piloti hanno difficoltà a mantenere la temperatura durante il resto del giro”.

“Essendo l’Austria la seconda delle due gare europee consecutive, la sfida logistica significa che le macchine cambieranno poco e quindi il nostro programma di test per il venerdì si concentrerà sulla comprensione delle gomme”.

Robert Kubica

“Mi piace correre in Austria. E’ una pista corta che sembra semplice, ma non lo è. Il circuito ha un lungo rettilineo con forti frenate e curve brevi. La seconda parte del giro presenta due curve a sinistra ad alta velocità, l’ultima curva è molto impegnativa con un ingresso cieco in cui è necessario portare velocità. Una gara back-to-back è un periodo intenso per le squadre, ma siamo ben preparati visto che l’anno scorso l’Austria era nel mezzo di tre gare di fila. Nel complesso, è una bella pista da guidare soprattutto con i suoi dintorni verdi. Ha una sensazione speciale e non vedo l’ora di tornare lì”.

George Russell

“Non vedo l’ora che arrivi il Gran Premio d’Austria. È una pista in cui ho fatto la pole e ho vinto, sia in GP3 che in Formula 2. Ho dei bei ricordi che mi daranno maggiore fiducia in vista del weekend. Mi aspetto che sarà un’altra volta difficile per noi, ma ho intenzione di andare là fuori e concentrarmi su come ottenere il massimo dal pacchetto”.

F1 | Pirelli – Red Bull vorrebbe tornare alle gomme 2018 nel corso della stagione, ma ha poco supporto