F1 | GP Austria – Norris sui suoi compagni di squadra: “Con Sainz più interessi in comune, con Ricciardo sono più concentrato su me stesso”

Alla vigilia del gran premio d’Austria, Lando Norris ha avuto modo di spiegare le principali differenze del rapporto con i suoi compagni di squadra, Carlos Sainz e Daniel Ricciardo, ammettendo un cambio di approccio generale. f1 austria norris ricciardo sainz

f1 austria norris ricciardo sainz
Foto McLaren F1

Dal suo debutto nel 2019, Lando Norris sta svolgendo la sua migliore stagione nella massima serie automobilistica a ruote scoperte. Il giovane talento della McLaren al momento occupa il quarto posto della classifica piloti, mettendosi alle spalle Valtteri Bottas e i due della Ferrari. f1 austria norris ricciardo sainz

La sua è una stagione sempre più consistente: in otto appuntamenti svolti finora, ben sette sono le volte in cui ha preso bandiera a scacchi trovandosi nelle prime cinque posizioni. Anche nei weekend in cui la vettura di Woking sembrasse soffrire, Norris è riuscito ad andare oltre le difficoltà ottenendo come “peggior” risultato l’ottavo posto in Spagna. Daniel Ricciardo, arrivato in McLaren quest’anno, è soltanto nono nella classifica generale con un deficit di ben 52 punti dal suo compagno di squadra.

Alla vigilia del gran premio d’Austria, i giornalisti presenti al Red Bull Ring – parlandone con il diretto interessato – hanno trovato nel differente rapporto con Ricciardo e Sainz la probabile ragione delle ottime performance dell’inglese. La relazione con Carlos Sainz è sempre stata basata sul gioco, sugli scherzi, sulla complicità: un rapporto più da grandi amici che da rivali in pista. Con Daniel Ricciardo, invece, tutto questo sembra essersi placato.

Lando Norris ha quindi avuto modo di spiegare le differenze tra l’australiano e lo spagnolo, ma non definendo tali l’origine principale del suo miglioramento: Io e Daniel (Ricciardo, ndr) andiamo ancora d’accordo, ci divertiamo ancora, siamo ancora buoni amici e tutto il resto. Ma una cosa semplice è che i nostri interessi lontano dal circuito sono molto diversi; lui è più interessato a produrre vini e vestiti e cose del genere e io sono più interessato al golf e agli Esport e a questo genere di cose, cose alle quali Carlos (Sainz, ndr) era un po’ più interessato.”

“Così io e Carlos giochiamo a golf ogni tanto, saliamo sul simulatore e gareggiamo a vicenda e questo tipo di cose. La cosa semplice per diventare compagni migliori è trascorrere del tempo insieme e divertirsi – e giocare a golf è stata una di quelle cose che ha reso un sacco di cose migliori.”

“Penso che mi sto concentrando più su me stesso di quanto abbia fatto, concentrandomi sulle cose importanti, le cose di cui ho davvero bisogno per concentrarmi su quale sia la mia guida, avere una performance come quella di quest’anno. E una parte di questo… si raggruppa su cose su cui devi davvero concentrarti per fare un lavoro migliore, passare del tempo con i miei ingegneri, e meno tempo a chiacchierare, divertirsi e cose del genere.”

“Ma non sto togliendo nulla al mio piacere della Formula 1. Lo amo ancora e faccio tutto quello che voglio fare. C’è solo un cambiamento più grande verso la messa a fuoco e il lato etico del lavoro. C’è stato sicuramente un effetto, ma non posso dirvi quanto.”

 

Seguici sui nostri social (Facebook, Instagram, Twitter)

Seguici anche su Telegram

F1 | GP Austria, anteprima Aston Martin – Vettel: “Sappiamo dove possiamo migliorare per lottare per i punti”

Mariangela Picillo

Cresciuta a pane, Ferrari e Schumacher. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.