F1 | GP Austria – Perez si scusa con Leclerc: “Ho sbagliato, non sono fiero di ciò che ho fatto”

Sergio Perez, dopo le due collisioni con Leclerc durante il GP d’Austria, si scusa con il monegasco, prendendosi tutte le colpe.

Perez e Leclerc stavano lottando per l’ottavo posto al giro 41 del GP d’Austria quando Perez ha “spinto” la Ferrari di Leclerc verso la parte esterna della curva 4, facendolo finire leggermente in ghiaia. Perez ha ricevuto una penalità di cinque secondi, ma prima di poter fare qualsiasi altra mossa, ha colpito di nuovo Leclerc portandolo nella ghiaia. Questa volta al giro 6. Anche qui Perez ha ricevuto un’altra penalità di cinque secondi. Dopo la corsa, Perez si è scusato per le sue azioni difensive, dicendo che non è “quel tipo di autista” e “non ero a mio agio” per gli incidenti.


Leggi anche:

F1 | GP Austria, Binotto: “Obiettivo Ferrari non è arrivare terzi nella classifica costruttori, ma migliorare rispetto all’anno scorso”


Per Charles mi dispiace molto, perché non mi piace correre così”, ha affermato Perez, che ha finito quinto in pista ma è sceso al sesto posto. “Non sono quel tipo di pilota che corre così. Avevamo un’aria sporca,  pneumatici molto caldi, freni molto caldi. Cercavamo di frenare il più tardi possibile, ovviamente. Non ho visto gli incidenti, ma mi dispiace molto se alla fine ho rovinato la sua gara perché Charles è un pilota che corre molto duramente, sempre al limite e io sono uguale. Quindi non sono felice con me stesso”.

Quando hanno chiesto se avesse parlato a Leclerc dopo la gara, Perez ha affermato: “Sì, in pratica ho spiegato quello che è successo dalla mia parte, ma ovviamente non basta. Non è bello quando hai questo tipo di problemi, ma sa che dal mio lato non sono quel tipo di pilota e che non mi sono sentito a mio agio”.

Parlando dell’incidente di Norris, Perez ha detto che “è stato corretto” e che Norris è stato fortunato a fuggire senza danni alla monoposto. L’ha fatta franca, non ha avuto danni“, ha spiegato Perez. “Ma la prossima volta può essere molto diversa.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.