F1 | GP Austria, qualifiche – Giovinazzi ancora in Q3: “Sarà una gara diversa da quella in Francia”

In Austria, Antonio Giovinazzi è approdato in Q3 per la seconda volta consecutiva e scatterà dalla settima casella della griglia. E’ la miglior qualifica per un pilota italiano da nove anni a questa parte. Antonio Giovinazzi GP Austria qualifiche

Antonio Giovinazzi GP Austria qualifiche
Antonio Giovinazzi – Foto: twitter Alfa Romeo Racing

Bisogna tornare al gran premio del Canada del 2010 quando Vitantonio Liuzzi ottenne il sesto tempo, per poi partire dalla quinta piazza, per trovare un pilota italiano che sia riuscito ad ottenere un risultato migliore di quello odierno di Antonio Giovinazzi. Antonio Giovinazzi GP Austria qualifiche

Il pilota di Martina Franca è entrato in Q3 per la seconda volta in una settimana, la terza in stagione. Ha realizzato l’ottavo tempo, alle spalle di pochi millesimi del compagno di squadra Kimi Raikkonen. Entrambi però guadagneranno una posizione sulla griglia per la penalità comminata a Kevin Magnussen. Le due Alfa Romeo scatteranno dunque dalla sesta e dalla settima casella. Un’ottima qualifica complessivamente per la scuderia italo-svizzera.

“Siamo contentissimi. Siamo andati in Q3 con entrambe le macchine, quindi dobbiamo essere super soddisfatti per il lavoro che stiamo facendo, sono le parole rilasciate da Giovinazzi a Sky Italia subito dopo le qualifiche. “Dal Paul Ricard la macchina è cambiata tantissimo. Domani non sarò l’unico a partire con le soft, quindi dobbiamo studiare una bella strategia. Siamo lì e cerchiamo di dare il massimo. Ringrazio la squadra perchè davvero abbiamo fatto un ottimo lavoro insieme e incrociamo le dita per domani”.

L’ingresso in Q3 in Francia gli ha però rovinato la gara, perchè ha dovuto prendere il via con le gomme soft usate nel Q2, mentre i piloti che lo seguivano sono potuti partire con gomme nuove, potendo anche scegliere la mescola.

Il pilota pugliese, nella gara austriaca, non sarà invece l’unico a scattare con le soft. Gli pneumatici di mescola morbida hanno mostrato anche una certa durata, mentre al Paul Ricard erano già belle andate dopo pochi giri.

Questo ha condizionato molto la sua gara al Paul Ricard, ma domani, per le motivazioni spiegate, la situazione dovrebbe essere diversa: Penso che la gara sarà diversa da quella in Francia. Ieri abbiamo provato la soft nei long run ed è sembrata molto meglio che al Paul Ricard, dove invece il venerdì era stata un disastro“, ha proseguito Giovinazzi.

“Le proiezioni sono più positive, anche se domani farà ancora più caldo. Ma come ho già detto non sarò l’unico a partire con le soft, ma ci sono delle macchine sia davanti che dietro di me che partiranno con le stesse gomme, quindi mi sento più al sicuro. Ancora non sappiamo se faremo una o due soste. La strategia con una sosta è sicuramente più veloce, però dobbiamo controllare un po’ tutto”.

F1 | Qualifiche D’Austria- Hamilton penalizzato dai commissari

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari