F1 | GP Azerbaijan – Qualifiche McLaren, Ricciardo “Peccato per l’incidente, ma siamo sulla strada giusta”

Nelle qualifiche del GP d’Azerbaijan, la McLaren fatica a trovare il ritmo. Sabato sfortunato infatti per Daniel Ricciardo, che scatterà tredicesimo a causa di un incidente in Q2. Penalità invece per Lando Norris, che perde tre posizioni per aver ignorato la bandiera rossa, partendo quindi nono.

GP Azerbaijan qualifiche McLaren Ricciardo

Le qualiche del GP d’Azerbaijan mettono a dura prova i i piloti McLaren: Norris e Ricciardo concludono infatti la sessione rispettivamente al nono e tredicesimo posto, dopo varie sfortune. Durante la prima sessione di qualifiche, Norris ignora la bandiera rossa causata da Antonio Giovinazzi e invece che rientrare ai box, rimane in pista. La penalità per il britannico è quindi inevitabile e a causa della retrocessione di tre posizioni, domani Norris scatterà dalla nona piazza.

Sabato ugualmente deludente per Daniel Ricciardo, che a pochi minuti dalla fine della Q2 finisce in barriera in curva 3, decretando così la fine della sessione. L’australiano insomma, fatica ancora a trovare il giusto feeling con la macchina, come conferma anche Andreas Seidl.

I due piloti McLaren, nel commentare le qualifiche del GP d’Azerbaijan, hanno reazioni differenti. Mentre Norris è amareggiato e deluso per una penalità così severa, Ricciardo prova a vedere il lato positive di queste qualifiche. Entrambi i piloti però, concordano nel dire che la giornata più importante sarà quella di domani, dove si lotterà per i punti.

Daniel Ricciardo

“È frustrante non aver ottenuto un grande risultato e aver dato del lavoro extra ai meccanici. In ogni caso, penso che ci siano anche alcune cose positive da prendere da questo weekend, che comunque non è ancora finito. Ho molti giri domani per provare ad ottenere ovviamente il massimo dalla macchina. Certo, capisco che dall’esterno non sembri eccezionale la prestazione di oggi, ma per me è stato un passo nella giusta direzione. Ho ancora tanto lavoro da fare, e l’errore ne è probabilmente un’ulteriore evidenza, ma la squadra è positiva, dobbiamo solo rimanere concentrati”.

 “Baku è un circuito cittadino, quindi se spingi al limite c’è ovviamente il rischio che possa succedere qualcosa. Oltre a questo, sto ancora cercando di capire dove sia il limite della macchina, quindi il rischio è più alto. Ovviamente è un peccato che l’incidente mi sia capitato in qualifica piuttosto che durante le libere, ad esempio, ma allo stesso tempo le qualifiche sono ovviamente il momento in cui stai cercando di dare davvero tutto quello che hai imparato. Ogni circuito è un’opportunità di apprendimento, quindi ora spero che il doppio appuntamento in arrivo in Austria renda questa fase di apprendimento un po’ più semplice. Domani cercherò di dare tutto e penso ancora che finora il lavoro e i progressi siano stati buoni”.

Lando Norris

“Non meritavo quella penalità. Non merito tre punti sulla mia patente di guida, non ho fatto nulla di sbagliato o pericoloso. Ho avuto poco tempo per pensare al da farsi e ovviamente non ho potuto parlare con il mio ingegnere. Non sapevo se la pit lane fosse chiusa e se lo fosse e fossi entrato avrei ricevuto comunque una penalità o peggio. In determinate situazioni, dovresti pensare a cosa vuol dire essere al posto di guida per un secondo e come è reagire alla velocità e così via. A mio parere questa è una decisione ingiusta, ma non c’è niente che io possa fare a riguardo”.

Andreas Seidl

“Un pomeriggio difficile per il team, con una sessione di qualifiche dominata da incidenti in pista e bandiere rosse. Purtroppo, Daniel ha commesso un errore in Q2, andando a sbattere all’uscita della curva 3, causando la fine anticipata della sua sessione di qualifiche. È stato un vero peccato dopo il buon passo in avanti che ha fatto questo fine settimana, in termini di feeling con la macchina. Con Lando, siamo riusciti a superare i vari incidenti fino all’ultimo run della Q3, dove purtroppo la bandiera rossa finale gli è costata l’opportunità di utilizzare le gomme nuove.

“Ora spostiamo la nostra attenzione sulla gara di domani, quando verranno assegnati i punti. Dovremmo avere due auto da corsa forti che ci permetteranno, ancora una volta, di lottare per buone posizioni”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | GP Baku, Alonso nel post-qualifiche: “La gente deve calmarsi, ingiuste le regole sulla bandiera rossa”

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.